IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Allarme Coronavirus, le raccomandazioni dell'ordine dei Medici di Avellino
Coronavirus, Carlo Sibilia: "Nessuna emergenza in Irpinia"
Coronavirus, allerta in Irpinia: summit in prefettura. Attivo il numero verde
Coronavirus, fake news su facebook: denunciati due serinesi per procurato allarme
La Zeza di Cesinali protagonista ad Avellino alla sfilata dei Carnevali irpini
Allarme a Montefusco: 26enne torna in Irpinia da Codogno focolaio di Coronavirus. Famiglia in quarantena
Successo e partecipazione a Cesinali con la Zeza dei bambini della scuola primaria
Avellino, agronomi e architetti a confronto su "Il verde possibile e protetto”
Schianto davanti all'Abbazia del Loreto, tre feriti
Rissa in strada a colpi di bastone, denunciati tre uomini

 

Ospedaletto, scoperta autofficina abusiva. Denunciato il titolare

Carabinieri di Ospedaletto

(Carabinieri di Ospedaletto)
(Foto: Carabinieri)

OSPEDALETTO D'ALPINOLO - I carabinieri di Ospedaletto, congiuntamente ed in piena sinergia con i militari specializzati in forza al Nucleo Ispettorato del Lavoro di Avellino, hanno scoperto l’esistenza di una vera e propria autofficina, completa di tutte le attrezzature, che era stata posta in essere all’interno di cinque fabbricati realizzati in assenza di permesso a costruire su di un sito sottoposto a vincoli ambientali e paesaggistici. Ma il contesto in cui operava la piccola impresa era destinato a rivelare ulteriori sorprese. Al termine degli accertamenti, i carabinieri hanno scoperto che l’attività era priva dell'iscrizione nel registro delle imprese tenuto presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura e lo smaltimento dei rifiuti, tra cui materiale intriso di olii esausti, avveniva depositando gli stessi direttamente sul terreno, con potenzialmente elevato rischio inquinamento e danni ambientali. Alla luce delle irregolarità riscontrate i Carabinieri applicavano i sigilli al sito, un’area della superficie di circa 500 mq, e per il titolare scattava il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino diretta dal Procuratore Dr. Rosario Cantelmo.

Condividi