IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Monteforte, cadono da un ponteggio di 4 metri. Gravi due operai
Non comunica i nominativi di due pregiudicati che alloggiano nel B&B, nei guai il titolare
Un'esplosione di colori per donare un sorriso: si alza il sipario su "Booom Ferrari Color Fest"
Avellino, litiga con la fidanzata e si taglia le vene
Raid punitivo al carcere, aggrediti due agenti
Fake news, bufale e leggende metropolitane: al via la campagna di sensibilizzazione rivolta ai maturandi
Sequestro di hashish e marijuana, nei guai 50enne
Evade dai domiciliari per passeggiare in paese, arrestato 28enne
1515 posti nella Polizia di Stato, al via il concorso. C'è tempo fino al 4 luglio
Sbanda e si ribalta, 55enne di Cesinali incastrata nell'abitacolo dell'auto

 

Perseguitava la sua ex insegnante con messaggi hot e foto pornografiche, nei guai 17enne

Il Comando provinciale dei carabinieri

(Il Comando provinciale dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri)

È costato caro ad un 17enne aver tempestato di messaggi la sua ex insegnante: il giovane è stato denunciato dai Carabinieri della Compagnia di Montella in quanto ritenuto responsabile di Molestie a mezzo telefono. L’attività condotta dai militari dell’Arma trae spunto dalla denuncia sporta dalla vittima, insegnante in una scuola secondaria di primo grado, che da un po' di tempo riceveva su WhatsApp messaggi farciti di epiteti scurrili, contenenti anche immagini pornografiche. La donna, non potendo più sopportare questo crescendo di molestie, si è rivolta ai Carabinieri che sono venuti a capo della vicenda. L’attività, estrinsecatasi attraverso lo sviluppo dei tracciati telefonici acquisiti nel corso delle indagini, permetteva agli investigatori di risalire all’identità del presunto molestatore: un 17enne, residente in un comune dell’Alta Irpinia. Lo sviluppo dell’attività investigativa consentiva di stabilire che il ragazzo, avuto il numero di cellulare della sua ex insegnante, aveva iniziato a molestarla telefonicamente. Grazie all’operato dei Carabinieri, tale condotta vessatoria è stata interrotta. Per il giovane è dunque scattato il deferimento in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria per il reato di cui all’articolo 660 del Codice Penale.

Condividi