IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Atripalda, sequestrati 300 chili di pesce fresco e 28 bottiglie di alcol contraffatto. Chiuso un bar
Paura nella notte a San Potito Ultra, in fiamme tre auto in via Tofaniello
Fiamme alla saracinesca del negozio di arredi, s'indaga
Ritirati dal mercato bocconcini di salame per rischio salmonella
Forte scossa di terremoto ad Atene, telecomunicazioni interrotte
Manocalzati, tenta di acquistare un'auto di lusso con documenti falsi. In manette truffatore seriale
Coltivava piante di canapa indiana nella baracca, nei guai 71enne
Muore schiacciato dal trattore mentre ara i campi
Ambiente e territorio, seminario all’ex Carcere Borbonico di Avellino
Avellino, applicazione gratuita dei microchip ai cani. Appuntamento all'ingresso della villa comunale

 

Pestaggio di due fratelli per un debito, arrestati gli autori

L'arresto dei carabinieri

(L'arresto dei carabinieri)
(Foto: Irpiniareport)

Arrestati gli autori del pestaggio di Summonte avvenuto all’inizio di marzo. Si tratta di due fratelli trentenni originari di Napoli e residenti a Capriglia Irpina e di un trentacinquenne di Grottolella. Sono stati i carabinieri della Compagnia di Avellino ad eseguire l’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal giudice per indagini preliminari del tribunale di Avellino. Alla base della rissa e della brutale aggressione un debito non pagato. I tre ragazzi dovranno rispondere di rapina e lesioni. I militari dell’Arma al termine di una approfondita attività di indagine sono riusciti a ricostruire la vicenda. I tre aggressori in seguito alla zuffa vennero subito individuati dai militari dell’Arma. Inizialmente rimediarono solo una denuncia per rissa e lesioni. I fatti si svolsero nel pomeriggio del 2 marzo in via Leo alla frazione Starze di Summonte, presso l’abitazione delle vittime. I tre arrestati si introdussero all’interno della casa dei due fratelli e si appropriarono di un motosega e di altri attrezzi agricoli. L’obiettivo dei tre era quello di recuperare l’ammontare del credito vantato nei confronti dei due fratelli, asportando quegli utensili come risarcimento. Quando tornarono a casa, le vittime sorpresero i tre giovani nel cortile mentre portavano via la merce. Nacque prima un diverbio poi la violenta aggressione. I due fratelli furono picchiati brutalmente a bastonate. Ad avere la peggio il più giovane che fu colpito con una spranga alla testa riportando una profonda ferita.

Condividi