IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Si alza il sipario su "Natale ad Aiello"
Condannato per furti, ai domiciliari 40enne
Lesioni e porto abusivo d'armi, in manette 30enne
Donna trovata morta in casa, s'indaga
Estorsione ai danni di un barista, arrestato 58enne di Fontanarosa
Avellino, saccheggia l'edicola davanti alle Poste: ladro bloccato dalla Polizia Municipale
Maxi sequestro di olio in un frantoio irpino
"Piano per il Lavoro" ad Aiello, soddisfatto l'assessore Preziosi: "Misura finalizzata alla formazione e all'inserimento lavorativo"
Ponte di Parolise, vertice al Genio Civile con Anas e il ministero delle Infrastrutture
Bambino strangolato da due compagni finisce in ospedale. Choc nella scuola elementare di Melito

 

Piano Regionale della Rete Ospedaliera, il presidente Biancardi: “Bene le decisioni sugli ospedali di Ariano Irpino e Sant’Angelo dei Lombardi”

Il presidente Biancardi

(Il presidente Biancardi)
(Foto: Irpiniareport)

“Apprendiamo con soddisfazione che con il decreto 87 del 5 novembre 2018, di modifica e aggiornamento del Piano Regionale della Rete Ospedaliera, i plessi di Ariano Irpino e di Sant’Angelo dei Lombardi vengono potenziati”, dichiara il presidente Domenico Biancardi sul Piano Ospedaliero. “Il Sant'Ottone Frangipane diventa Dea di primo livello e riconferma il punto nascita, oltre all’attivazione del reparto di radioterapia con l’aggiunta di 14 posti letto di lungodegenza – prosegue Biancardi - Il Criscuoli, invece, riesce ad ottenere 20 posti letto in più tra chirurgia, ortopedia e terapia intensiva. Attenzione anche per il Di Gugliemo di Bisaccia che mantiene l’Hospice e si prepara ad essere il primo Ospedale di Comunità dell’Irpinia. Si conferma eccellenza e Dea di secondo livello il Moscati di Avellino. Notizie importanti per il nostro territorio e che sono anche il frutto dell’impegno degli amministratori locali, del Consiglio Provinciale che sulla questione si è confrontato nel corso delle sedute del mese di maggio del 2016 e di novembre 2017, allargate alla partecipazione dei manager della sanità pubblica e privata e dei consiglieri regionali. Così come si è dimostrato essere prezioso il contributo del Comitato dei sindaci dell’Asl di Avellino”.

Condividi