IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, 25enne pestato a sangue in un locale del centro storico
Casa squillo nella periferia avellinese, nei guai una 35enne
Avellino, travolge un'auto con a bordo 4 giovani in viale Italia e fugge
Dramma sull'Ofantina, muore 21enne
Serino, cocaina nascosta nell'area pic-nic: arrestato 43enne
Atripalda, incidente sulla Variante: ferito giovane motociclista
Un Gratta e Vinci da 2 milioni di euro ad Ariano
Rimane con l'auto bloccata sui binari mentre sta passando il treno, paura per un irpino
SuperEnalotto, sfiorato il Jackpot a Montoro: centrato un 5 da 31mila euro
Fermato tir carico di detersivi e cosmetici contraffatti, denunciato l'autista

 

Piano Regionale della Rete Ospedaliera, il presidente Biancardi: “Bene le decisioni sugli ospedali di Ariano Irpino e Sant’Angelo dei Lombardi”

Il presidente Biancardi

(Il presidente Biancardi)
(Foto: Irpiniareport)

“Apprendiamo con soddisfazione che con il decreto 87 del 5 novembre 2018, di modifica e aggiornamento del Piano Regionale della Rete Ospedaliera, i plessi di Ariano Irpino e di Sant’Angelo dei Lombardi vengono potenziati”, dichiara il presidente Domenico Biancardi sul Piano Ospedaliero. “Il Sant'Ottone Frangipane diventa Dea di primo livello e riconferma il punto nascita, oltre all’attivazione del reparto di radioterapia con l’aggiunta di 14 posti letto di lungodegenza – prosegue Biancardi - Il Criscuoli, invece, riesce ad ottenere 20 posti letto in più tra chirurgia, ortopedia e terapia intensiva. Attenzione anche per il Di Gugliemo di Bisaccia che mantiene l’Hospice e si prepara ad essere il primo Ospedale di Comunità dell’Irpinia. Si conferma eccellenza e Dea di secondo livello il Moscati di Avellino. Notizie importanti per il nostro territorio e che sono anche il frutto dell’impegno degli amministratori locali, del Consiglio Provinciale che sulla questione si è confrontato nel corso delle sedute del mese di maggio del 2016 e di novembre 2017, allargate alla partecipazione dei manager della sanità pubblica e privata e dei consiglieri regionali. Così come si è dimostrato essere prezioso il contributo del Comitato dei sindaci dell’Asl di Avellino”.

Condividi