IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Festa della scuola ad Aiello del Sabato, l'iniziativa promossa dal vicesindaco Gaeta
"Verde urbano in condizioni disastrose e inquinamento dell'aria: subito interventi". L'allarme dell'Ordine Agronomi
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga
Affitti, 45 milioni per il sostegno alle famiglie
Le graduatorie misure 411 e Psr Campania 2014-2020, Federazione Agronomi: "Finanziare tutte le istanze e snellire le procedure"
Sequestro di persona, arrestato 60enne di Avella
Ai medici e agli infermieri del Moscati pizze in dono dalla Taverna De Gustibus di Cesinali
"Abella, Abellum, Abellinum": Colonie Romane tra antichi culti pagani e noccioleti

 

Picchia e minaccia con la pistola la sua compagna davanti ai figli piccoli

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri)

Maltrattamenti, lesioni personali e minacce di morte: è la triste sequela di azioni messe in atto da un uomo nei confronti della sua convivente. I Carabinieri della Stazione di Montoro hanno dato esecuzione all’ordinanza applicativa di misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare con divieto di avvicinamento alla persona offesa, emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Avellino. L’attività prende spunto dalla denuncia presentata dalla vittima che, disperata e sfiancata dal clima di paura in cui era da tempo costretta a vivere, rivolgeva così la sua disperata richiesta di aiuto ai Carabinieri, sempre attenti a perseguire tanto odiose fattispecie criminose Attraverso una certosina e riservata attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Avellino e composta sia di raccolta di prove documentali che di escussione di persone informate sui fatti, i Carabinieri hanno verificato i fatti, ricostruendo date, luoghi e modalità esecutive con cui si erano materializzate le violente subite dalla donna, a volte alla presenza dei figli minorenni e con l’utilizzo di una pistola a salve, che per le lesioni subite e lo stato di agitazione, si vedeva anche costretta a ricorrere alle cure mediche. I probanti elementi raccolti dai Carabinieri sono stati riferiti senza ritardo all’Autorità Giudiziaria che, concordando con le risultanze investigative dell’Arma, ha emesso nei confronti dell’uomo il provvedimento in parola. Un altro delicato caso di violenza di genere che è stato risolto grazie alla richiesta di aiuto rivolta ai Carabinieri. Per casi analoghi, l’invito quindi è sempre quello di rivolgersi subito alle Forze dell’Ordine. Avellino, 8 aprile 2019.

Condividi