IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Sorpreso con droga e spinelli, nei guai 23enne
Maxi sequestro di bombole gpl, nei guai un commerciante
Sequestrati due quintali di salumi, mozzarella e pasta fresca
Schianto nella notte sull'Ofantina, cinque feriti
Munizioni della Seconda Guerra Mondiale ritrovate in un fabbricato, s'indaga
Investe una donna e fugge. Rintracciato e denunciato il pirata della strada
Esaudito il desiderio della piccola Giovanna: video chiamata con i "Me contro Te"
Precipita dall'ultimo piano, muore studentessa. Tragedia al campus di Fisciano
Open Day delle malattie della pelle, al Moscati visite dermatologiche gratuite
Incidente nella galleria di Solofra, ferita una 60enne di Aiello

 

Picchiava e minacciava i genitori, arrestato giovane di Aiello del Sabato

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

I Carabinieri della Stazione di Aiello del Sabato hanno tratto in arresto un giovane del luogo, indagato per maltrattamenti in famiglia, lesioni ed estorsione. La cattura è scattata in esecuzione di provvedimento emesso dal G.I.P. del Tribunale di Avellino su richiesta della Procura della Repubblica, che ha coordinato le indagini condotte dai Carabinieri i quali hanno messo la parola fine ad un triste episodio di violenza consumatasi tra le mura domestiche. I Carabinieri, attraverso uno scrupoloso lavoro di indagine portata avanti con doverosa sensibilità, hanno accertato che il soggetto, già noto alle Forze dell’Ordine, aveva posto in essere plurime condotte estorsive in danno dei genitori: minacciandoli ed aggredendoli fisicamente, a volte anche distruggendo le suppellettili dell’abitazione, li costringeva più volte a corrispondergli somme di denaro. Le evidenze raccolte tracciavano a carico dell’indagato un quadro gravemente indiziario che, riferito senza ritardo all’Autorità Giudiziaria, ha consentito l’emissione della misura coercitiva, in esecuzione della quale il giovane è stato tratto in arresto ed associato alla Casa Circondariale di Bellizzi Irpino. Il provvedimento si inquadra nell’ampia e delicata cornice repressiva delimitata dal cosiddetto “Codice Rosso”, recentemente approvato dal Parlamento: ogni episodio di maltrattamento in famiglia viene curato sin nei minimi particolari e approfondito in maniera rapidissima, così da tutelare l’incolumità di quelle persone rientranti nelle cosiddette “fasce deboli”.

Condividi