IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Festa della scuola ad Aiello del Sabato, l'iniziativa promossa dal vicesindaco Gaeta
"Verde urbano in condizioni disastrose e inquinamento dell'aria: subito interventi". L'allarme dell'Ordine Agronomi
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga
Affitti, 45 milioni per il sostegno alle famiglie
Le graduatorie misure 411 e Psr Campania 2014-2020, Federazione Agronomi: "Finanziare tutte le istanze e snellire le procedure"
Sequestro di persona, arrestato 60enne di Avella
Ai medici e agli infermieri del Moscati pizze in dono dalla Taverna De Gustibus di Cesinali
"Abella, Abellum, Abellinum": Colonie Romane tra antichi culti pagani e noccioleti

 

Presi gli autori del furto al'istituto "Dorso" di Ospedaletto, nei guai due giovani

Un'aula

(Un'aula )
(Foto: Irpiniareport)

Furto aggravato e Danneggiamento: sono questi i reati di cui dovranno rispondere un 23enne di Napoli ed un 38enne di Somma Vesuviana (NA). L’indagine, sviluppata dai Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Avellino unitamente ai colleghi della Stazione di Ospedaletto d’Alpinolo, estrinsecatasi attraverso l’acquisizione di utili informazioni nonché di video dalle telecamere di tutta la zona e l’analisi degli elementi raccolti in sede di sopralluogo, permetteva di identificare quei due soggetti quali probabili autori del furto di 9 computer, perpetrato lo scorso mese di novembre nell’Istituto Comprensivo “Guido Dorso” - Sezione distaccata di Ospedaletto d’Alpinolo. Nel corso dell’attività espletata dai Carabinieri emergevano altresì indizi di colpevolezza a carico dei predetti anche in ordine al danneggiamento, verosimilmente allo scopo di commettere un furto, della porta d’ingresso dell’Ufficio di Polizia Municipale del Comune di Summonte, avvenuto sempre nel novembre del 2018. Alla luce delle risultanze emerse, a carico del 23enne e del 38enne è scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Condividi