IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi
In trasferta da Foggia per commettere furti in Irpinia, fermati 5 pregiudicati
Ruba i dati di una carta di credito per acquistare il televisore, nei guai una 45enne
Tangenti per pilotare le sentenze, 14 arresti. Coinvolti due irpini

 

Presi gli autori del furto al'istituto "Dorso" di Ospedaletto, nei guai due giovani

Un'aula

(Un'aula )
(Foto: Irpiniareport)

Furto aggravato e Danneggiamento: sono questi i reati di cui dovranno rispondere un 23enne di Napoli ed un 38enne di Somma Vesuviana (NA). L’indagine, sviluppata dai Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Avellino unitamente ai colleghi della Stazione di Ospedaletto d’Alpinolo, estrinsecatasi attraverso l’acquisizione di utili informazioni nonché di video dalle telecamere di tutta la zona e l’analisi degli elementi raccolti in sede di sopralluogo, permetteva di identificare quei due soggetti quali probabili autori del furto di 9 computer, perpetrato lo scorso mese di novembre nell’Istituto Comprensivo “Guido Dorso” - Sezione distaccata di Ospedaletto d’Alpinolo. Nel corso dell’attività espletata dai Carabinieri emergevano altresì indizi di colpevolezza a carico dei predetti anche in ordine al danneggiamento, verosimilmente allo scopo di commettere un furto, della porta d’ingresso dell’Ufficio di Polizia Municipale del Comune di Summonte, avvenuto sempre nel novembre del 2018. Alla luce delle risultanze emerse, a carico del 23enne e del 38enne è scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Condividi