IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Allerta meteo in Campania, pioggia e vento anche in Irpinia
Danni al comparto agricolo per la grandinata, Ordine Agronomi Avellino: "Proclamare lo stato di calamità naturale e disporre aiuti alle imprese"
Ofantina, al via i lavori in località Montechiuppo a Manocalzati. Code nelle ore di punta
Grandine in Irpinia distrugge frutteti e vigneti, danni ingenti
Gestione illecita di prodotti alimentari, denuncia e sanzione per un'azienda agricola
Sbanda e finisce nella scarpata, ferita 35enne
Ancora fiamme sull'A16, s'incendia un'auto nel tratto di Monteforte. Paura per una famiglia
Maltrattamenti, minacce e percosse in famiglia: arrestato 47enne
40enne muore nei campi schiacciato dal trattore
Famiglia intrappolata nell'auto in fiamme, paura a Volturara Irpina

 

Rapinarono una gioielleria a Torella dei Lombardi, arrestati i due autori

Armati di taglierino portarono via un bottino di oltre 100mila euro

l'auto dei carabinieri

(l'auto dei carabinieri)
(Foto: Irpiniareport)

A seguito di una serrata attività di indagine i Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino, sotto la direzione dei magistrati della Procura della Repubblica di S. Angelo dei Lombardi, hanno assicurato alla giustizia gli autori della rapina avvenuta il 23 novembre u.s. in una gioielleria di Torella dei Lombardi fruttata ai due oltre 100mila euro.
I due pregiudicati, armati di taglierino, dopo aver immobilizzato la titolare erano riusciti a far perdere le proprie tracce dopo aver prelevato dalla cassaforte gioielli e monili per oltre 100 Mila euro. All’identificazione dei due si è arrivati attraverso una serrata attività investigativa partita dal sopralluogo e conclusasi con attività tecniche che hanno consentito di individuare senza ombra di dubbio i rapinatori,orologi da uomo due pregiudicati napoletani provenienti dal rione “terzo mondo” di Scampia e già noti ai Carabinieri di Napoli che hanno collaborato con i colleghi irpini.
Al termine delle indagini i magistrati della Procura della Repubblica di S. Angelo dei Lombardi, concordando con gli esiti investigativi, hanno emesso nei loro confronti un provvedimento di Fermo di indiziato di reato, successivamente il GIP di quel Tribunale, condividendo le risultanze emerse, ha emesso due ordinanze di custodia cautelare nei loro confronti, eseguite dai Carabinieri di Montella.
In particolare uno dei due è stato tratto in arresto mentre ancora era a Napoli mentre il secondo, ormai braccato dagli investigatori, si è costituito presso il carcere di Ariano Irpino.

Condividi