IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
"Pater Familias", quando un ristorante è narrazione della storia
Spaventoso incidente sui binari, treno travolge auto. Ferito un 64enne irpino
Mancata ripresa degli sport da contatto, Barbaro (Asi): "È una decisione conservativa e insensata"
È morto il 53enne travolto dal trattore, choc a Torella dei Lombardi
Giovane 32enne muore dopo una gastroscopia, s'indaga
Fiamme in autostrada, distrutta un'auto. Salvi tre ragazzi
Sorpreso a bruciare rifiuti in una discarica abusiva, denunciato 38enne
Polveri sottili, andane e cippatura le alternative all’abbruciamento dei residui vegetali. Le proposte degli Agronomi
Solofra, sequestrato un cantiere per opere abusive. Denunciato l'imprenditore
Costruisce abusivamente un fabbricato in zona a rischio sismico e di frana. Denunciato

 

Rifiuti speciali pericolosi nelle campagne di Senerchia, nei guai 60enne

Controlli dei carabinieri a Senerchia

(Controlli dei carabinieri a Senerchia)
(Foto: Carabinieri)

Anziché portare i rifiuti in discarica li avrebbe depositati in un fondo agricolo, facendogli così assumere l’aspetto di una discarica abusiva. Prosegue l’azione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino, quotidianamente impegnati nella capillare attività di controllo del territorio tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità. Questa volta, a finire sotto la lente degli uomini dell’Arma, è stato un episodio di illecito ambientale. L’attività condotta dai Carabinieri della Stazione di Senerchia, ha permesso di deferite alla Procura della Repubblica di Avellino un 60enne del luogo il quale, all’interno di due appezzamenti di terreno dell’ampiezza di circa 1000 metri quadrati, avrebbe smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non, in assenza delle prescritte autorizzazioni. A carico dell’uomo è quindi scattata la denuncia in stato di libertà, ritenuto responsabile di violazione di Norme in Materia Ambientale di cui al Decreto Legislativo 152/2006, in particolare dell’art. 256 (Attività di gestione di rifiuti non autorizzata). L’area oggetto dell’indebita condotta è stata posta sotto sequestro.

Condividi