IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Beccati ad acquistare droga da un ciclista, nei guai due giovani avellinesi
Festa della Birra a Chiusano San Domenico, eccellenze gastronomiche irpine e buona musica
Avellino, furti di Suv in città. S'indaga
Auto sbanda e si ribalta, ferito un 42enne
Crisi Sidigas, Adoc e Federconsumatori: "Attenzione alle truffe"
Perde il controllo dell'auto e finisce nella scarpata, anziano in ospedale
Avellino, forava gli pneumatici e poi derubava gli automobilisti. Arrestato 30enne
Colto da malore, muore in uno stabilimento termale
Due giorni di festa ad Atripalda: Notte Bianca e artisti di strada in via Roma
Estorce denaro a due coniugi per l'acquisto di una casa messa all'asta

 

Rissa tra due famiglie, denunciati in otto

Intervento dei carabinieri

(Intervento dei carabinieri)
(Foto: Irpiniareport)

I Carabinieri della Stazione di San Martino Valle Caudina, al termine degli accertamenti info-investigativi, grazie ai sistemi di videosorveglianza e alle testimonianze raccolte, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo, otto persone del luogo ritenute responsabili del reato di rissa. La violenta zuffa scaturiva qualche giorno fa tra i componenti della stessa famiglia in una piazza del Comune di San Martino Valle Caudina: dopo pochi minuti i predetti, costituitisi in due gruppi, con l’acuirsi della tensione dovuta ad un continuo crescendo di insulti e rabbia, incominciavano ad aggredirsi fisicamente con calci e pugni, facendo poi ricorso anche all’utilizzo di una mazza di legno, rinvenuta e sottoposta a sequestro dai militari operanti. Lo scontro, scaturito per futili motivi, è durato diversi minuti, con momenti di inaudita violenza e grande pericolo, sedati solo all’arrivo della pattuglia dei Carabinieri. Alla luce delle evidenze raccolte, i Carabinieri hanno provveduto a far scattare a carico di tutti e otto i soggetti, di età compresa fra i 18 ed i 60 anni, la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Condividi