IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Slalom di Montervergine, vince il pluricampione Luigi Vinaccia
Alberto e Roberta oggi sposi, campane a festa a Cesinali
Slalom di Montevergine, due ex campioni italiani al via
Sorpreso con la droga "brown sugar", nei guai 35enne
Tutto pronto per lo Slalom di Montevergine - Memorial Oreste Cilento
Irpinia Sistema Turistico: il nuovo progetto di Confartigianato, Confindustria e Federalberghi
Avellino, litiga con il fratello e aggredisce i carabinieri con un attizzatoio. Arrestato 47enne
San Michele di Serino, cartucce di fucile e tanica di liquido infiammabile rinvenute nel cantiere della ferrovia
Giovane 25enne muore davanti al padre, tragedia a Serino
Si è sparato un colpo al petto nella cappella della madre deceduta

 

Rivolta nel carcere di Ariano, agente sequestrato dai detenuti

Carcere

(Carcere)
(Foto: Irpiniareport)

Rivolta nel carcere di Ariano Irpino. Nel pomeriggio per circa un'ora dalle 15 alle 16 si sono vissuti momenti di tensione nella casa circondariale dove un gruppo di detenuti ha preso in ostaggio un agente. Alla base della protesta le difficili condizioni che si registrano all'interno del penitenziario. Tra lanci di oggetti e minacce i detenuti hanno costretto un agente di custodia in servizio a rifugiarsi all'interno di un gabbiotto per evitare il peggio. All'interno del penitenziario sono subito intervenuti agenti di polizia e carabinieri in assetto antisommossa che hanno riportato la situazione alla normalità. Sul posto era presente il procuratore aggiunto di Benevento Giovanni Conzo, che ha coordinato le indagini in contatto anche con il procuratore capo Aldo Policastro. Il direttore del penitenziario Gianfranco Marcello ha cercato di isolare il padiglione dove si è registrata la protesta. L'agente di polizia penitenziaria che era stato sequestrato dai detenuti è stato poi costretto alle cure dei medici presso l'ospedale di Ariano per uno stato di choc. Alcuni dei detenuti protagonisti della rivolta saranno ora trasferiti in altre strutture detentive.

Condividi