IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Esplosione al bancomat, torna in azione la banda della marmotta
Tragico incidente nella notte, perdono la vita zio e nipote di 15 anni
Raid al ristorante, le impronte incastrano il ladro
Bruciano tre auto nella notte, s'indaga
Muore sotto gli occhi del figlio, tragedia in autogrill
Furto al Comune di Cervinara, rubati 1000 euro e le carte d'identità
L'assessore regionale Lucia Fortini all'Istituto Comprensivo di Aiello del Sabato per il progetto "Scuola Viva"
Spaccio di droga, 30enne arrestato. In casa nascondeva hashish
Abbattono il muro divisorio e si appropriano dell'appartamento adiacente, nei guai marito e moglie
Cesinali, al via i festeggiamenti di San Gerardo. Weekend di musica, degustazione e divertimento

 

Rivolta nel carcere di Ariano, agente sequestrato dai detenuti

Carcere

(Carcere)
(Foto: Irpiniareport)

Rivolta nel carcere di Ariano Irpino. Nel pomeriggio per circa un'ora dalle 15 alle 16 si sono vissuti momenti di tensione nella casa circondariale dove un gruppo di detenuti ha preso in ostaggio un agente. Alla base della protesta le difficili condizioni che si registrano all'interno del penitenziario. Tra lanci di oggetti e minacce i detenuti hanno costretto un agente di custodia in servizio a rifugiarsi all'interno di un gabbiotto per evitare il peggio. All'interno del penitenziario sono subito intervenuti agenti di polizia e carabinieri in assetto antisommossa che hanno riportato la situazione alla normalità. Sul posto era presente il procuratore aggiunto di Benevento Giovanni Conzo, che ha coordinato le indagini in contatto anche con il procuratore capo Aldo Policastro. Il direttore del penitenziario Gianfranco Marcello ha cercato di isolare il padiglione dove si è registrata la protesta. L'agente di polizia penitenziaria che era stato sequestrato dai detenuti è stato poi costretto alle cure dei medici presso l'ospedale di Ariano per uno stato di choc. Alcuni dei detenuti protagonisti della rivolta saranno ora trasferiti in altre strutture detentive.

Condividi