IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Rissa tra ragazze in città: denunciati 6 giovani di Avellino e Serino
Calo dei reati in Irpinia, il Comando provinciale dei Carabinieri traccia un bilancio delle attività
L'Arma dei Carabinieri festeggia il 206° Anniversario della Fondazione
Avvistata una pantera in Irpinia, paura nelle campagne
Rally dell'Irpinia, 40 anni fa la storica vittoria di Napolillo-Cirillo
Festa della scuola ad Aiello del Sabato, l'iniziativa promossa dal vicesindaco Gaeta
"Verde urbano in condizioni disastrose e inquinamento dell'aria: subito interventi". L'allarme dell'Ordine Agronomi
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga

 

Rivolta nel carcere di Ariano, agente sequestrato dai detenuti

Carcere

(Carcere)
(Foto: Irpiniareport)

Rivolta nel carcere di Ariano Irpino. Nel pomeriggio per circa un'ora dalle 15 alle 16 si sono vissuti momenti di tensione nella casa circondariale dove un gruppo di detenuti ha preso in ostaggio un agente. Alla base della protesta le difficili condizioni che si registrano all'interno del penitenziario. Tra lanci di oggetti e minacce i detenuti hanno costretto un agente di custodia in servizio a rifugiarsi all'interno di un gabbiotto per evitare il peggio. All'interno del penitenziario sono subito intervenuti agenti di polizia e carabinieri in assetto antisommossa che hanno riportato la situazione alla normalità. Sul posto era presente il procuratore aggiunto di Benevento Giovanni Conzo, che ha coordinato le indagini in contatto anche con il procuratore capo Aldo Policastro. Il direttore del penitenziario Gianfranco Marcello ha cercato di isolare il padiglione dove si è registrata la protesta. L'agente di polizia penitenziaria che era stato sequestrato dai detenuti è stato poi costretto alle cure dei medici presso l'ospedale di Ariano per uno stato di choc. Alcuni dei detenuti protagonisti della rivolta saranno ora trasferiti in altre strutture detentive.

Condividi