IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Festa della scuola ad Aiello del Sabato, l'iniziativa promossa dal vicesindaco Gaeta
"Verde urbano in condizioni disastrose e inquinamento dell'aria: subito interventi". L'allarme dell'Ordine Agronomi
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga
Affitti, 45 milioni per il sostegno alle famiglie
Le graduatorie misure 411 e Psr Campania 2014-2020, Federazione Agronomi: "Finanziare tutte le istanze e snellire le procedure"
Sequestro di persona, arrestato 60enne di Avella
Ai medici e agli infermieri del Moscati pizze in dono dalla Taverna De Gustibus di Cesinali
"Abella, Abellum, Abellinum": Colonie Romane tra antichi culti pagani e noccioleti

 

Ruba sigarette nel Deposito dove lavora per un valore di 10mila euro, nei guai dipendente

auto finanza

(auto finanza)
(Foto: Fiamme Gialle)

I finanzieri della Tenenza di Sant’Angelo dei Lombardi, a conclusione di un’attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Avellino, hanno colto in flagranza di reato un quarantanovenne originario del posto. L’uomo è un dipendente del Deposito Fiscale dei generi di monopolio di Sant’Angelo dei Lombardi ed era incaricato ad effettuare le consegne delle sigarette presso le rivendite operanti nella provincia irpina ed in quelle limitrofe. Dal monitoraggio effettuato sugli spostamenti del soggetto e la contestuale analisi dei documenti rilasciati per le varie consegne è stato scoperto il meccanismo fraudolento posto in essere e basato essenzialmente sul rapporto di fiducia che era riuscito a creare nei destinatari dei generi di monopolio. In particolare l’infedele incaricato, una volta ritirati, presso il Deposito Fiscale, i colli da consegnare alle varie rivendite, durante il tragitto, provvedeva a rimuovere il nastro adesivo posto a chiusura dei pacchi e sottraeva di volta in volta un esiguo numero di stecche di “bionde” e poi richiudeva gli scatoloni con nastro adesivo dello stesso tipo di quello originario. In tal modo, confidando nel rapporto fiduciario instaurato, il destinatario non si avvedeva, nell’immediatezza, del quantitativo mancante. Nel solo periodo di indagine l’uomo avrebbe sottratto quasi 200 stecche di sigarette per un valore di circa 10.000,00 euro. Al fine di corroborare la tesi investigativa, subito dopo una consegna, i finanzieri procedevano ad un riscontro presso una rivendita sita in Lioni, allo scopo di constatare l’esatta corrispondenza tra la merce riportata nella fattura emessa nei confronti della stessa ed il prodotto effettivamente consegnato dal vettore. Dal riscontro effettuato veniva rilevato un ammanco di n. 2 stecche di sigarette. Nel contempo un’altra pattuglia intercettava l'automezzo al fine di verificare i quantitativi trasportati. Dall'ispezione effettuata all’interno del veicolo, venivano rinvenute n. 4 stecche di sigarette sottratte dalle confezioni già recapitate alle prime due rivendite presenti nella lista di consegna. Le successive attività di perquisizione locale presso il domicilio dell’uomo consentivano di rinvenire e sequestrare n. 4 rotoli di nastro adesivo, verosimilmente utilizzato per richiudere le scatole di cartone. Il responsabile veniva denunciato a piede libero mentre venivano poste sotto sequestro le sigarette e l’automezzo utilizzato per il trasporto. L’attività testimonia il costante impegno esercitato dalla Guardia di Finanza di Avellino a tutela della sicurezza economico-finanziaria dei cittadini in un settore connotato da forte pericolosità sociale.

Condividi