IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Fanno esplodere lo sportello bancomat e danno fuoco all'auto
Va in ospedale per partorire e scopre di avere il Coronavirus
Padre e figlia azzannati da un pitbull, ricoverati in ospedale
Rapina al portavalori della Cosmopol a Valle, i dettagli di quanto accaduto
Scosse di terremoto tra Rocca San Felice e Sant'Angelo dei Lombardi
Perde il controllo dell'auto e si schianta, ferita 56enne
"Pater Familias", quando un ristorante è narrazione della storia
Spaventoso incidente sui binari, treno travolge auto. Ferito un 64enne irpino
Mancata ripresa degli sport da contatto, Barbaro (Asi): "È una decisione conservativa e insensata"
È morto il 53enne travolto dal trattore, choc a Torella dei Lombardi

 

Scovati i truffatori on line dei pezzi di ricambio, nella rete diversi irpini

Computer

(Computer)
(Foto: Irpiniareport)

I Carabinieri della Stazione di Zungoli, prendendo spunto dalla segnalazione da parte di un cittadino che aveva intuito di essere stato truffato, hanno denunciato un 50enne della provincia di Messina ed un 60enne della Provincia di Catania, già gravati da specifici precedenti di polizia. I predetti, dopo aver venduto online dei ricambi per auto, riscossi 200 euro che il malcapitato aveva versato con ricarica su carta prepagata, di fatto non inviavano la merce acquistata e si rendevano irreperibili. Attraverso una serie di accertamenti i Carabinieri sono riusciti ad identificare i presunti responsabili per i quali è scattato il deferimento in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria. Si ricordano ancora una volta gli utili consigli riportati con l’iniziativa “Difenditi dalle truffe”, nata per forte volontà dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino ed attuata in modo capillare sul territorio da parte di tutti i reparti dipendenti, per la specifica prevenzione di tale reato predatorio. È importante saper riconoscere le situazioni più a rischio e, di conseguenza, i comportamenti da assumere, diffidando sempre degli acquisti oltremodo convenienti, trattandosi verosimilmente di una truffa o di prodotti rubati.

Condividi