IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, movida e assembramenti: vietata la vendita di alcolici dopo le 21 nei market
Guasto condotta idrica a Mercogliano, dieci Comuni senz'acqua
Ospedale di Solofra, restituiti ai donatori i 230mila euro raccolti per la realizzazione della terapia intensiva
Uffici Postali aperti a Ferragosto, 160 ad Avellino e provincia
Raid vandalico al campo estivo: gazebo, sedie e tavoli distrutti
Abbruciamento di residui a Montevergine rischia di provocare un incendio, la denuncia dell'Osservatorio Meteorologico
Sospensione del servizio idrico in Irpinia, ecco dove
Cesinali, c'è il Servizio Civico: ecco il lavoro di pubblica utilità
Odaf Avellino, il vicepresidente Antonio Capone nominato Miglior Agronomo d'Italia 2020
Perde il controllo e si schianta contro il muro, paura per due anziani sull'A16

 

Sequestrata una tonnellata di cocaina. Arrestato l'irpino Alfredo Gradisca

Operazione "Caucedo" di La Spezia e Genova in collaborazione con il comando di Avellino

auto finanza

(auto finanza)
(Foto: Fiamme Gialle)

Arrestate nella notte cinque persone con l'accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti dopo il sequestro di circa una tonnellata di cocaina. La droga era nascosta all'interno di un container che, proveniente da Santo Domingo, era giunta al porto in Italia toccando per primo il porto di Gioa Tauro. Per tracciare e individuare il carico di stupefacenti è stato usato un rilevatore satellitare microscopico collocato nel container. L’intera operazione è stata sviluppata dalle Fiamme Gialle dei Comandi Provinciali della Guardia di Finanza di Genova e di La Spezia, oltre che dell’Agenzia delle Dogane. Si tratta di uno dei più ingenti sequestri di sostanze stupefacenti effettuato in Europa. Gli investigatori erano a conoscenza del carico illegale da oltre un mese ma, per non mandare in fumo l'operazione, hanno atteso che la droga, originariamente nascosta in una finta parete all'interno di un container di mattonelle, arrivasse a destinazione e fosse scaricato presso un magazzino di Aulla, nella provincia toscana di Massa Carrara. Soltanto nella giornata di ieri, quando il container è stato aperto dai destinatari, è scattata la fase finale dell’operazione. All’atto di abbattere la finta paratia dietro cui era nascosta la cocaina venivano quindi tratti in arresto Juan Pablo Ramirez Carvajal (26 anni), Juan Carlos Romero Perez (48 anni), Cristiano Cargiolli (38 anni) ed Alessandro Bernucci (36 anni). Contemporaneamente, su un volo in partenza per Praga dall'aeroporto di Orio al Serio, era intercettato e parimenti arrestato anche tale Alfredo Gradisca (34 anni, di Avellino). In considerazione della residenza irpina di quest’ultimo soggetto, nella notte veniva allertato anche il Comando Provinciale di Avellino per l’effettuazione delle previste operazioni di perquisizione domiciliare nei confronti dell’abitazioni e delle altre unità immobiliari nella disponibilità del Gradisca. Gli uomini del Nucleo di Polizia Tributaria di Avellino nella notte davano quindi corso alle perquisizioni (tutte nel capoluogo irpino) rinvenendo e sottoponendo a sequestro beni di valore, materiale informatico e diversa documentazione che, nell’immediatezza, era ritenuta di particolare interesse per lo sviluppo delle indagini al punto che la stessa era immediatamente inoltrata ai colleghi liguri. Si allega alla presente il comunicato stampa diramato nel corso della conferenza-stampa tenutasi in Genova a conclusione dell’articolata attività, denominata operazione CAUCEDO.

Condividi