IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Esplosione al bancomat, torna in azione la banda della marmotta
Tragico incidente nella notte, perdono la vita zio e nipote di 15 anni
Raid al ristorante, le impronte incastrano il ladro
Bruciano tre auto nella notte, s'indaga
Muore sotto gli occhi del figlio, tragedia in autogrill
Furto al Comune di Cervinara, rubati 1000 euro e le carte d'identità
L'assessore regionale Lucia Fortini all'Istituto Comprensivo di Aiello del Sabato per il progetto "Scuola Viva"
Spaccio di droga, 30enne arrestato. In casa nascondeva hashish
Abbattono il muro divisorio e si appropriano dell'appartamento adiacente, nei guai marito e moglie
Cesinali, al via i festeggiamenti di San Gerardo. Weekend di musica, degustazione e divertimento

 

Sequestrate ad Avellino 72 confezioni di cannabis light in un distributore

Piante di canapa indiana

(Piante di canapa indiana)
(Foto: Irpiniareport)

I militari della Guardia di Finanza del Comando provinciale di Avellino hanno sequestrato 72 confezioni di infiorescenze essiccate di cannabis light, pari a 221 grammi, all’interno di un distributore automatico di viale Italia, ubicato vicino ad istituti scolastici. Il gestore del distributore è stato denunciato alla Procura della Repubblica. Nel distributore sottoposto a controllo, i finanzieri hanno rinvenuto diversi sacchettini da 3 e 5 grammi di infiorescenze. Accanto erano posizionati cartine, filtri e accendini, nonché altro materiale necessario per confezionare le sigarette. Il sequestro della sostanza stupefacente è avvenuto anche perché le infiorescenze essiccate erano posizionate vicino al materiale utilizzato per il “rolling” delle sigarette. Ciò rappresenta istigazione al consumo dello stupefacente per inalazione. All’indomani della sentenza della Suprema Corte, il Comando provinciale di via Pontieri ha previsto un dispositivo di controllo che si incardina nel piano di contrasto all’uso di sostanze stupefacenti tra i giovani, attuato anche con l’impiego delle unità cinofile antidroga delle Fiamme Gialle. Secondo l’interpretazione delle Sezioni Unite, la legge non consente la vendita o la cessione a qualunque titolo dei prodotti “derivati dalla coltivazione della cannabis”, come l’olio, le foglie, le infiorescenze e la resina. Precedentemente alla sentenza della Cassazione, la sostanza stupefacente poteva essere commercializzata al dettaglio esclusivamente per uso alimentare o a fini medici, ad esempio per la preparazione di tisane o unguenti per dolori alle ossa. Ora non è più possibile. La sentenza chiarisce l’applicazione della legge 242 del 2016.

Condividi