IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Anziani 80enni dispersi a Montevergine, soccorsi dai vigili del fuoco
Carenze igienico sanitarie, chiusa un'azienda alimentare di Ospedaletto d’Alpinolo
Maltrattamenti ai familiari, arrestato 30enne
Traffico di sostanze dopanti, perquisizioni dei Nas ad Avellino
Covid-19, deceduta al Moscati una 73enne di Chiusano
Atripalda, va a fuoco la stufa a gas. Paura per due anziani coniugi
Fiamme in un deposito di pellami, paura a Banzano
Monteforte Irpino, gestione illecita di rifiuti: nei guai due imprenditori edili
Covid-19, la situazione oggi in Irpinia: 62 casi positivi
Recovery Plan, il presidente Biancardi presenta i punti del progetto

 

Serino, illecito smaltimento di rifiuti pericolosi e abusivismo edilizio. Due denunce

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri)

Permane alta in Irpinia l’attenzione dei carabinieri del gruppo Forestale nella pianificazione ed attuazione dei servizi finalizzati all’accertamento di violazioni connesse alla tutela dell’ambiente e della salute pubblica e, in particolare, alla gestione illecita di rifiuti. I carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale di Avellino, insieme ai carabinieri della stazione Forestale di Serino, hanno denunciato due persone ritenute responsabili, a vario titolo, dell’illecito smaltimento di rifiuti pericolosi ed abusivismo edilizio. Gli operanti, nell’ambito delle verifiche sulle attività conciarie finalizzate ad accertare la corretta gestione dei reflui e del ciclo dei rifiuti per il contrasto dell’inquinamento del “Torrente Solofrana”, procedevano al controllo di un opificio della città conciaria appurando che l’amministratore della società aveva proceduto allo smaltimento illecito di rifiuti costituiti da imballaggi contaminati da sostanze pericolose (prodotti chimici per la lavorazione delle pelli). Si accertava, inoltre, la realizzazione di manufatti in assenza di titolo edilizio e senza rispettare le distanze dai confini del lotto, nonché l’assenza di aree destinate a verde privato e parcheggio. Nel corso del controllo veniva altresì rilevata la presenza di un piazzale realizzato in cemento battuto in area agricola, usurpando parte di fondi del comune di Avellino e privati. Infine, è stata irrogata una sanzione amministrativa di oltre 2mila euro per la mancata annotazione dei citati rifiuti sul registro di carico e scarico.

Condividi