IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Meteo, nuove nevicate in Irpinia
Covid-19, la situazione oggi in Campania: 1132 casi positivi e 23 decessi
Covid-19, la situazione in Irpinia: 30 casi positivi e 2 decessi
Avellino, colta da malore cade sul balcone. Donna in ospedale
Avellino, anziana cade in casa nella notte. Soccorsa dai pompieri
Fiamme nella notte in un appartamento, famiglia evacuata
Scuola, da lunedì in presenza anche la terza della scuola primaria
Macellazione abusiva e ricettazione: sequestro di maiali e oltre 350 chili di insaccati. Nei guai 30enne
Tenta di uccidersi inalando gas di scarico dell'auto, salvato in extremis
Covid-19, due decessi al Moscati

 

Serino, rissa per futili motivi. Tre denunce

Botte da orbi nei pressi di un bar del posto

E' stato necessario l'intervento dei carabinieri per riportare la calma. Il fatto è accaduto poco dopo la mezzanotte di sabato

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

Nella serata di ieri, poco prima della mezzanotte, i carabinieri della Stazione di Serino sono intervenuti all’esterno di un noto bar-ristorante del paese per una segnalata rissa in atto. Giunti sul posto, i carabinieri hanno avuto modo di constatare che effettivamente era in atto una e vera e propria zuffa tra tre persone. Calmate le parti, i carabinieri li hanno generalizzati in un giovanissimo albanese di appena 20 anni e residente a Serino, e in due uomini italiani di 35 e 38 anni, residenti a San Michele di Serino e Santo Stefano del Sole. Secondo la ricostruzione fatta dai militari dell’Arma degli accadimenti che hanno originato la scazzottata, tutto è nato da un reciproco scambio di brutti sguardi e occhiatacce tra i tre, che oltre ad aver già avuto in passato degli screzi, erano ieri sera tutti piuttosto alticci. Un brutto sguardo di uno ha così innescato la reazione dell’altro, che gli ha scagliato contro un bicchiere, e di là l’intervento del terzo contendente. Alla fine, tutti e tre sono rimasti contusi con lievi escoriazioni e ferite, giudicate comunque guaribili tra i 5 ed i 7 giorni di prognosi. Per tutti e tre i partecipanti alla rissa è chiaramente scattata la denuncia in stato di libertà per il reato di rissa, aggravata dallo stato di ubriachezza molesta in cui tutti i contendenti versavano al momento dell’intervento dei militari.

Condividi