IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Covid-19, la situazione oggi in Campania: 1021 casi positivi e 12 decessi
Choc a San Michele di Serino, 60enne ritrovato cadavere nel suo letto
Mezzo spargisale finisce fuori strada, recuperato dai pompieri
Neve in Irpinia, auto bloccate sul Laceno
Covid-19, la situazione in Irpinia: 36 casi positivi
Meteo, nuove nevicate in Irpinia
Covid-19, la situazione oggi in Campania: 1132 casi positivi e 23 decessi
Covid-19, la situazione in Irpinia: 30 casi positivi e 2 decessi
Avellino, colta da malore cade sul balcone. Donna in ospedale
Avellino, anziana cade in casa nella notte. Soccorsa dai pompieri

 

Si spaccia su Fb per rappresentante della Croce Rossa e truffa un'irpina per 10mila euro

Facebook

(Facebook)
(Foto: Irpiniareport)

Un particolare caso di truffa è stato scoperto dai Carabinieri della Stazione di Bagnoli Irpino che hanno denunciato un 40enne, di origini nigeriane e residente a Torino. L’indagine prende spunto dalla denuncia sporta da una donna del posto. Tramite il social network “Facebook”, l’uomo contatta la vittima e, spacciandosi per un rappresentante della Croce Rossa Internazionale, la convince a farsi accreditare sulla sua carta prepagata circa 10mila euro per l’acquisto di pietre pregiate, asserendo che i proventi delle vendite verranno devoluti al citato ente beneficiario. Ma, ricevuta la somma pattuita, il sedicente umanitario si rendeva irreperibile sui contatti forniti, omettendo sia consegna dei preziosi sia la restituzione della somma indebitamente percepita. Le indagini condotte dai Carabinieri hanno consentito di risalire all’identità del presunto responsabile (già noto alle Forze dell’Ordine) che, alla luce delle evidenze emerse, è stato deferito in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria. Si ricordano ancora una volta gli utili consigli riportati con l’iniziativa “Difenditi dalle truffe”, nata per forte volontà del Comando Provinciale Carabinieri di Avellino ed attuata in modo capillare sul territorio da parte di tutti i reparti dipendenti, per la specifica prevenzione di tale reato predatorio. È importante saper riconoscere le situazioni più a rischio e, di conseguenza, i comportamenti da assumere, diffidando sempre degli acquisti oltremodo convenienti, trattandosi verosimilmente di una truffa o di prodotti rubati.

Condividi