IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Da oggi riaprono gli scavi archeologici di Mirabella Eclano
Avellino, obbligo della mascherina al Corso da oggi fino a lunedì. Multa da 400 euro per i trasgressori
Ferragosto in Irpinia, scattati i controlli per garantire sicurezza e legalità
Coltivavano piante di cannabis, nei guai padre e figlia
Pugni e schiaffi a un giovane per rapinarlo dello smartphone, arrestato napoletano
Tragedia sfiorata in autostrada: albero cade sull'A16
Avellino, movida e assembramenti: vietata la vendita di alcolici dopo le 21 nei market
Guasto condotta idrica a Mercogliano, dieci Comuni senz'acqua
Ospedale di Solofra, restituiti ai donatori i 230mila euro raccolti per la realizzazione della terapia intensiva
Uffici Postali aperti a Ferragosto, 160 ad Avellino e provincia

 

Solofra, sequestrata pizzeria

Nei guai quattro persone, tra i quali due dipendenti comunali

edilizia

(edilizia)
(Foto: Lorem Ipse)

I carabinieri della Stazione di Solofra hanno dato esecuzione, nei confronti di quattro persone, al sequestro preventivo emesso dal G.I.P. del Tribunale di Avellino di un bar-ristorante-pizzeria ubicato in via Casapapa per reati di evasione di terreni, deturpamento di cose altrui, abuso d’ufficio, falsità ideologica e altre violazioni urbanistiche. Nei guai il titolare dell’attività commerciale, un noto architetto del posto e due dipendenti comunali, resisi responsabili di falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in autorizzazioni amministrative. Le indagini esperite dai militari operanti hanno, infatti, permesso di accertare come, su di un’area di proprietà dell’I.A.C.P. destinata a centro sociale per anziani con sala lettura, e partendo da un appalto per la costruzione di un bar necessario alla funzionalità della struttura (con annesso campo di bocce e tavoli da biliardo), il titolare dell’attività abbia nel tempo realizzato e costituito una vera e propria attività a destinazione esclusivamente commerciale, con aumento di superfice per oltre 300 mq, l’occupazione delle limitrofe aree di sedimento comunale, costruzione di manufatti abusivi in spregio allo strumento urbanistico, ed il tutto avvallato da artefatte autorizzazioni e concessioni comunali in sanatoria, anch’esse illegittime ed in palese contrasto con quanto contenuto nel piano urbanistico.

Condividi