IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga
Affitti, 45 milioni per il sostegno alle famiglie
Le graduatorie misure 411 e Psr Campania 2014-2020, Federazione Agronomi: "Finanziare tutte le istanze e snellire le procedure"
Sequestro di persona, arrestato 60enne di Avella
Ai medici e agli infermieri del Moscati pizze in dono dalla Taverna De Gustibus di Cesinali
"Abella, Abellum, Abellinum": Colonie Romane tra antichi culti pagani e noccioleti
Rapina, ricettazione e riciclaggio di orologi di valore: arrestate 20 persone
Scossa di terremoto a Roma, paura nella capitale

 

Solofra, sequestrata un'intera conceria

Dopo un'ispezione, i carabinieri hanno accertato gravi violazioni alle leggi ambientali

Carabinieri

(Carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

I Carabinieri della Stazione di Solofra hanno posto sotto sequestro un intero impianto conciario per violazioni alle leggi ambientali. Dopo un'ispezione da parte dei militari, l'azienda che si occupa di rifilatura pelli per conto terzi è risultata inadempiente a molte delle basilari normative di carattere ambientale. I carabinieri dell’Arma solofrana hanno, pertanto, constatato che la struttura conciaria era priva dell’autorizzazione all’emissione dei fumi in atmosfera, del certificato di prevenzione incendi e dell’autorizzazione per lo scarico delle acque reflue industriali nella pubblica fognatura. Al termine delle operazioni ispettive, i militari operanti hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino, perché a vario titolo responsabile delle violazioni alle leggi ambientali, l’amministratore unico della società, un 38enne del posto, sottoponendo al contempo a sequestro preventivo l’intero impianto conciario.

Condividi