IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, maltrattava la mamma. Denunciata 20enne
Perseguitava e minacciava di morte la vicina di casa, nei guai anziano
Cesinali, l'oratorio in festa: serata all'insegna di musica e degustazione
Sorpreso con droga e spinelli, nei guai 23enne
Maxi sequestro di bombole gpl, nei guai un commerciante
Sequestrati due quintali di salumi, mozzarella e pasta fresca
Schianto nella notte sull'Ofantina, cinque feriti
Munizioni della Seconda Guerra Mondiale ritrovate in un fabbricato, s'indaga
Investe una donna e fugge. Rintracciato e denunciato il pirata della strada
Esaudito il desiderio della piccola Giovanna: video chiamata con i "Me contro Te"

 

Sorpresi a rubare la cabina di un tir in un'azienda, arrestati

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri)

bell & ross replica watches I Carabinieri della Stazione di Andretta hanno tratto in arresto in flagranza due soggetti di Lusciano per tentato furto aggravato. I fatti sono accaduti nel pomeriggio di ieri. Nel corso di un servizio perlustrativo, avendo notato insoliti movimenti e udito strani rumori, i militari dell'Arma hanno sorpreso i due uomini all’interno del piazzale di una ditta di Calitri, attualmente in regime fallimentare e sottoposta a sequestro, intenti a caricare su un autocarro una cabina di un tir che era lì parcheggiato, dopo averla smontata con una fiamma ossidrica. L’intervento di una seconda pattuglia della Stazione di Calitri ha permesso di bloccare e trarre in arresto un 33enne ed un 54enne con a carico svariati precedenti di polizia e di recuperare la refurtiva che è stata sottoposta a sequestro unitamente al veicolo ed agli attrezzi utilizzati dai malfattori. Condotti in Caserma, dopo gli accertamenti di rito i due arrestati, su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza della Compagnia di Sant’Angelo dei Lombardi, in attesa di comparire nella mattinata odierna dinanzi al Tribunale per essere giudicati con la formula del rito direttissimo.

Condividi