IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Tentano truffa, anziana li fa scoprire
Avellino, in giro per la città con un machete: bloccati due romeni
Raccordo Av-Sa, auto s'incastra sotto il guard rail
Schianto frontale sull'Ofantina, due feriti
Arrestato sull'Ofantina dopo inseguimento, in auto aveva 19 dosi di eroina
Serino, si appropria di un portafoglio con 1200 euro. Denunciato 60enne
Carne di agnello in cattivo stato, sequestro in una macelleria. Nei guai il titolare
Cumulo di rifiuti speciali presso un'officina, denunciato il titolare
Calci e pugni ad un cliente del bar, arrestato 50enne
Furti in abitazione, sgominata banda di ladri. Arrestati tre avellinesi

 

Spara agli uccelli tra le abitazioni, nei guai un anziano

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri)

I Carabinieri della Stazione di Avella hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria un anziano del posto ritenuto responsabile del reato di Esplosioni pericolose. L’uomo, forse perché non troppo in forma per andare a caccia, aveva deciso di sparare ai volatili comodamente dall’interno di un terreno di un proprio parente, ubicato a pochi metri di distanza da case private e strade comunali: di pomeriggio si è recato nel fondo ed ha iniziato l’attività venatoria sparando agli uccelli che passavano di lì. Uditi gli spari, sul posto si è portata la pattuglia della Stazione di Avella, già in quell’area nell’ambito dei servizi di controllo del territorio predisposti dal Comando Provinciale di Avellino tesi a garantire sicurezza e rispetto della legalità. Alla specifica richiesta dei militari operanti l’anziano consegnava il fucile calibro 12 e le relative cartucce, tutto legalmente detenuto, esternando la sua passione per la caccia. Passione che gli ha causato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per il reato di cui all’art. 703 del Codice Penale. Il fucile, le munizioni ed altre armi detenute dall’uomo presso la sua abitazione sono state ritirate e sottoposte a sequestro.

Condividi