IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Covid-19, quarto decesso nella giornata: muore una 82enne. Ricoverata per polmonite
Covid-19, dimessi il 15enne e la mamma ricoverati al Moscati una settimana fa
Covid-19, terza vittima in poche ore: muore 66enne
Covid-19, aggiornamento contagi: 93 i positivi
Scuole, in Campania restano chiuse. Per la primaria monitoraggio fra 10 giorni
Demolizione viadotto di Manocalzati, traffico deviato fino al 22 dicembre
Covid-19, secondo decesso al Moscati
Covid-19, muore al Moscati un altro anziano
Castagne e nocciole in Irpinia, produzione 2020. Agronomi Irpini: "Buona la quantità e la qualità, ma i prezzi ancora troppo bassi"
Furto nel tabacchi, rubati sigarette e "gratta e vinci". Bottino da quantificare

 

Stavano per compiere furti nelle ville, fermati due napoletani

Controlli dei carabinieri

(Controlli dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri)

Non si ferma la controffensiva posta in essere dai Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino per il contrasto ai reati predatori. I Carabinieri della Compagnia di Montella, costantemente impegnati in quella capillare attività di controllo del territorio tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità, hanno posto grande attenzione alla problematica, intensificando i controlli e garantendo la massima presenza di uomini sul territorio, in divisa ed in borghese, soprattutto durante le ore notturne, sia per prevenire i reati predatori che per intervenire con tempestività ed efficacia quando necessario. Durante l’espletamento di tale attività, a Castelfranci, una pattuglia della locale Stazione ha sorpreso due uomini che, in orario notturno, si aggiravano con fare sospetto nei pressi di alcune abitazioni isolate. Dopo averne osservato i movimenti, i Carabinieri hanno proceduto al controllo. Gli stessi, un 40enne un 35enne di Villaricca (NA) con a carico svariati precedenti penali principalmente per reati contro il patrimonio, alla specifica richiesta da parte degli operanti, non erano in grado di fornire alcuna valida giustificazione circa la loro presenza in quel luogo. Condotti in Caserma per gli ulteriori accertamenti, in considerazione delle risultanze emerse a loro carico è quindi scattata la proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio.

Condividi