IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Cesinali, investito mentre entra in farmacia. Ferito 30enne
“Le donne risorse chiave per lo sviluppo delle professioni”. L’agronoma irpina Natalia De Vito interviene al XII Convegno del Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza
Si spaccia per avvocato e truffa un anziano, s'indaga
Asl Avellino, al via la campagna di inserimento gratuito del microchip a cani e gatti
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo

 

Sversamento di rifiuti nel fiume Sele, nei guai un allevatore

il fiume Sele

(il fiume Sele)
(Foto: Irpiniareport)

“Gestione illecita di rifiuti” e “Emissione in atmosfera in assenza di autorizzazioni”: sono questi i reati ipotizzati all’esito di un controllo eseguito dai Carabinieri della locale Stazione e di cui dovrà rispondere il titolare di un’azienda agricola di Calabritto, dedita all’allevamento di bovini e bufale da latte. L’attività, condotta congiuntamente ai Carabinieri della Stazione Forestale di Lioni, rientra nell’ambito di una campagna di controlli nel settore agricolo e agro-alimentare. All’esito delle verifiche i militari dell’Arma hanno riscontrato irregolarità connesse allo smaltimento illecito dei rifiuti non pericolosi, originato da tre vasche di raccolta di effluenti zootecnici che, non essendo ermeticamente sigillate, consentivano lo sversamento di deiezioni solide e liquide nei terreni attigui e nel fiume Sele. Nel contempo gli operanti constatavano che l’attività di allevamento veniva espletata in assenza delle previste autorizzazioni per le emissioni in atmosfera. Alla luce delle evidenze emerse, a carico dell’allevatore è dunque scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Condividi