IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Covid-19, quarto decesso nella giornata: muore una 82enne. Ricoverata per polmonite
Covid-19, dimessi il 15enne e la mamma ricoverati al Moscati una settimana fa
Covid-19, terza vittima in poche ore: muore 66enne
Covid-19, aggiornamento contagi: 93 i positivi
Scuole, in Campania restano chiuse. Per la primaria monitoraggio fra 10 giorni
Demolizione viadotto di Manocalzati, traffico deviato fino al 22 dicembre
Covid-19, secondo decesso al Moscati
Covid-19, muore al Moscati un altro anziano
Castagne e nocciole in Irpinia, produzione 2020. Agronomi Irpini: "Buona la quantità e la qualità, ma i prezzi ancora troppo bassi"
Furto nel tabacchi, rubati sigarette e "gratta e vinci". Bottino da quantificare

 

Tavoli verdi e poker texano, nei guai tredici persone

Gioco d'azzardo in un circolo privato di Solofra

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

I carabinieri della Stazione di Solofra hanno denunciato 13 persone per reati connessi con il gioco d’azzardo. Lo 25 marzo, dai controlli effettuati i militari hanno scoperto che un locale commerciale nel centro della città della concia, sprovvisto di qualunque autorizzazione amministrativa, era stato adibito a circolo privato da parte di un 31enne solofrano. Pertanto, da ulteriori accertamenti è emerso che nel locale si svolgevano partite di poker texano con tanto di fish sui tavoli coperti dal famoso panno verde da gioco. L'attenzione dei carabinieri, in effetti, era stata attirata dal fatto che un noto pregiudicato del posto, era stato intravisto attraverso le finestre del locale, intento a controllare chi si avvicinava alle vetrate e a tirare una tenda per coprire gli interni. All’interno del circolo, oltre ai mazzi da poker, alle fiches e ai tavoli da gioco, i carabinieri hanno scoperto ben 13 persone, quasi tutte intente al gioco, e molte delle quali annoveravano vari precedenti penali per gioco d’azzardo. Dieci giocatori, quasi tutti provenienti dal salernitano, sono stati tutti deferiti in stato di libertà all’autorità giudiziaria avellinese per il reato di partecipazione al gioco d’azzardo in concorso, mentre per il gestore del circolo fantasma, per il soggetto che fungeva da palo e per un altro che li coadiuvava è scattata la più grave denuncia per esercizio del gioco d’azzardo.

Condividi