IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
“Le donne risorse chiave per lo sviluppo delle professioni”. L’agronoma irpina Natalia De Vito interviene al XII Convegno del Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza
Si spaccia per avvocato e truffa un anziano, s'indaga
Asl Avellino, al via la campagna di inserimento gratuito del microchip a cani e gatti
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi

 

Tenta di accoltellare un suo connazionale, arrestato 25enne ghanese

Lite nel centro di accoglienza

Carcere

(Carcere)
(Foto: Irpiniareport)

I Carabinieri della Stazione di Sant’Andrea di Conza, collaborati dei colleghi della Stazione di Lioni, hanno tratto in arresto un 25enne d’origine guineana ritenuto responsabile dei reati di Tentato omicidio e Detenzione abusiva di munizionamento. I fatti sono accaduti nella mattinata di ieri all’interno del centro S.P.R.A.R. di Conza della Campania: nel corso di una lite scaturita per futili motivi lo straniero, armato di coltello, tentava di colpire con un fendente un suo connazionale. L’intento violento con si concretizzava per l’intervento di un giovane del Togo, domiciliato presso il medesimo centro di permanenza, che, accorso per sedare la lite, rimaneva ferito alla mano, fortunatamente in modo non grave. I Carabinieri, prontamente intervenuti, all’esito della perquisizione rinvenivano all’interno dello zaino del 25enne il coltello a serramanico (della lunghezza di circa 25 centimetri) utilizzato per l’aggressione nonché una cartuccia per fucile. Il giovane, già noto ai militari operanti per i suoi atteggiamenti di prevaricazione e minacciosi messi in atto nei confronti di altri ospiti della struttura, veniva quindi condotto in Caserma e, su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, tratto in arresto ed associato alla Casa Circondariale di Bellizzi Irpino.

Condividi