IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Beccati ad acquistare droga da un ciclista, nei guai due giovani avellinesi
Festa della Birra a Chiusano San Domenico, eccellenze gastronomiche irpine e buona musica
Avellino, furti di Suv in città. S'indaga
Auto sbanda e si ribalta, ferito un 42enne
Crisi Sidigas, Adoc e Federconsumatori: "Attenzione alle truffe"
Perde il controllo dell'auto e finisce nella scarpata, anziano in ospedale
Avellino, forava gli pneumatici e poi derubava gli automobilisti. Arrestato 30enne
Colto da malore, muore in uno stabilimento termale
Due giorni di festa ad Atripalda: Notte Bianca e artisti di strada in via Roma
Estorce denaro a due coniugi per l'acquisto di una casa messa all'asta

 

Tenta di incassare un assegno falsificato di 45mila euro, arrestato 33enne di Avellino

L'arresto della polizia

(L'arresto della polizia)
(Foto: Irpiniareport)

Ha tentato di incassare un assegno circolare falsificato in un istituto bancario di Ariano Irpino. A finire in manette un 33enne di Avellino che è stato arrestato dagli agenti del Commissariato del Tricolle Denunciata anche la complice, una 52enne, originaria del Casertano, ma residente ad Andretta. Entrambi devono rispondere dei reati di truffa e ricettazione. Le manette sono scattate a seguito della segnalazione del direttore della filiale, insospettito dell'operazione richiesta dal 33enne che aveva posto all’incasso un assegno circolare di 45mila euro dopo che la complice, alcuni giorni prima, aveva aperto un conto corrente. Su quel conto il 33enne voleva versare la somma di denaro. Dagli accertamenti interni alla banca, quel titolo di credito è risultato falsificato e, peraltro, già incassato alcuni giorni prima presso un altro istituto di credito. Quando la coppia è tornata in banca per riscuotere i soldi ha trovato i poliziotti. Il 33enne è stato tratto in arresto e successivamente condotto presso la casa circondariale di Ariano Irpino, mentre la donna è stata denunciata in stato di libertà presso la Procura della Repubblica.

Condividi