IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Montoro, ingerisce soda caustica. Grave bimbo di 4 anni
Beccati ad acquistare droga da un ciclista, nei guai due giovani avellinesi
Festa della Birra a Chiusano San Domenico, eccellenze gastronomiche irpine e buona musica
Avellino, furti di Suv in città. S'indaga
Auto sbanda e si ribalta, ferito un 42enne
Crisi Sidigas, Adoc e Federconsumatori: "Attenzione alle truffe"
Perde il controllo dell'auto e finisce nella scarpata, anziano in ospedale
Avellino, forava gli pneumatici e poi derubava gli automobilisti. Arrestato 30enne
Colto da malore, muore in uno stabilimento termale
Due giorni di festa ad Atripalda: Notte Bianca e artisti di strada in via Roma

 

Tentano di cambiare banconote false, beccati due minorenni

Scoperti dai carabinieri di Solofra

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Irpiniareport)

I carabinieri della Stazione di Solofra, impegnati nel normale servizio di pattugliamento della cittadina della concia, sono dovuti intervenire lungo una delle vie principali del centro cittadino, in viale Principe Amedeo, dopo aver ricevuto la segnalazione di un commerciante indicando che due ragazzi avevano cercato di far cambiare una banconota di grossa taglia, apparentemente contraffatta. Recatisi sul posto, i carabinieri hanno subito trovato e fermato i due giovani oggetto della segnalazione, identificandoli in due minorenni del posto, entrambi studenti. Grazie anche alla perquisizione personale condotta sugli stessi, i carabinieri hanno immediatamente potuto accertare che uno dei due giovani aveva, occultato negli indumenti intimi, una banconota da 100 euro, palesemente contraffatta, che per loro stessa ammissione avevano poco prima cercato di scambiare in un negozio del centro, tentativo che di certo avrebbero da là a poco ripetuto in un altro negozio. Alla fine dei controlli, la banconota è stata sottoposta a sequestro e trasmessa alla Banca d’Italia per i controlli circa la provenienza e le indagini sulla probabile collocazione del centro di falsificazione, mentre i due ragazzi sono stati denunciati a piede libero all’autorità giudiziaria minorile della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Napoli

Condividi