IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Violento temporale in Alta Irpinia provoca una frana, chiusa la strada provinciale 143 a Bagnoli
Cade dal ponteggio in un cantiere, operaio 47enne in prognosi riservata
Il neo sindaco di Cervinara Caterina Lengua positivo al Covid-19
Tentano di disfarsi della droga gettandola nel water, in manette due fidanzati
Covid-19 in Campania, torna l'obbligo della mascherina all'aperto. C'è l'ordinanza di De Luca
Una 48enne di Avellino è risultata positiva al Covid-19. Da luglio ad oggi i casi registrati sono 205
Coronavirus, chiuso il Comune di Cervinara. Avviata la sanificazione
Attraverso una mail rubano password e dati personali e gli svuotano il conto corrente
Coronavirus, registrati 6 contagi in Irpinia. Uno ricoverato in ospedale
Covid-19, altri 12 contagi in Irpinia: 2 ad Avellino

 

Tentata rapina alla gioielleria di Mercogliano, arrestati gli autori

La Volante della polizia

(La Volante della polizia)
(Foto: Irpiniareport)

Nella serata di ieri, la Polizia di Stato ha tratto in arresto un pluripregiudicato 33enne ed una 22enne incensurata, entrambi del Rione Scampia di Napoli, perché gravemente indiziati di aver perpetrato, la sera del 14 novembre, una tentata rapina ai danni della titolare di una nota gioielleria sita in Via Nazionale Torrette di Mercogliano. I due, presumibilmente insieme ad altro complice, in corso di identificazione, erano entrati nella gioielleria e, armati, avevano minacciato la proprietaria, desistendo poi dal portare a compimento l’azione criminosa per il pronto intervento delle Volanti, allertate da una telefonata sul 113. Gli Agenti della Squadra Mobile di Avellino sono giunti alla loro identificazione attraverso accertamenti incrociati, favoriti da pregressi elementi conoscitivi acquisiti durante strutturati servizi di controllo del territorio e supportati dalla visione delle immagini del sistema di video sorveglianza. A seguito di reiterati servizi di osservazione, i due malviventi, resisi irreperibili subito dopo la commissione del fatto, sono stati rintracciati nel noto Rione Scampia di Napoli, loro luogo di origine, e tradotti rispettivamente presso la Casa Circondariale di Poggioreale e quella di Pozzuoli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. E’ da sottolineare che per l’arresto dei due rapinatori si è rilevato determinante il piano integrato di controllo del territorio, attuato su precise direttive del Questore che ha inteso impiegare le pattuglie della Polizia di Stato in moduli che prevedono duttilità di intervento e interazione tra l’apparato preventivo e quello investigativo.

Condividi