IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
“Le donne risorse chiave per lo sviluppo delle professioni”. L’agronoma irpina Natalia De Vito interviene al XII Convegno del Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza
Si spaccia per avvocato e truffa un anziano, s'indaga
Asl Avellino, al via la campagna di inserimento gratuito del microchip a cani e gatti
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi

 

Tentata strage ad Aiello, Bruno Galluccio in libertà

La Corte di Cassazione dichiara illegittimo il diniego di differimento della condanna

Il Tribunale di Avellino

(Il Tribunale di Avellino)
(Foto: Carmine Bellabona)

Bruno Galluccio presto in libertà. E’ quanto ha stabilito la I sezione della Corte di Cassazione che ha giudicato illegittimo il diniego al differimento della condanna pronunciato dal Tribunale di Sorveglianza di Napoli ed ha annullato il provvedimento. Galluccio, difeso dall’avvocato Mario Di Salvia, si era già visto ridurre, alcuni mesi fa la condanna, da 10 anni, per tentata strage, a 7 anni essendogli stati riconosciuto il reato di tentato omicidio. Galluccio, falegname, 67enne all’epoca dei fatti, nel 2007 tentò di uccidere l'ex moglie cercando prima di dare fuoco alla abitazione dell’ex coniuge ad Aiello del Sabato, e poi gettando all’interno dell’esplosivo, nel tentativo di far crollare la palazzina, nella quale dimoravano anche altre famiglie. Successivamente l’uomo confessò di essere l’autore del gesto ricevendo la prima condanna a dieci anni di reclusione nel 2009, poi ridotta a sette anni.

Condividi