IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Emergenza Covid-19, Gambino (Usmia): "Tutelare gli operatori delle forze armate"
Ordine Agronomi, Picariello: "Brusco calo delle temperature, a rischio vigneti e noccioleti in Irpinia"
Coronavirus, altri 12 contagiati. Il bilancio sale a 142
Covid-19, altri 7 positivi in Irpinia. Il bilancio sale a 130
Coronavirus, il bilancio in Irpinia è di 123 contagiati
Guarita la prima paziente irpina affetta da Coronavirus
Gli agronomi irpini in campo per la solidarietà al Moscati
Il Covid-19 non ci fa paura: esponiamo sui balconi di Cesinali il drappo con l'effigie di San Rocco
Coronavirus: tre nuovi casi ad Avellino, Mirabella Eclano e Ariano Irpino
Caso di Coronavirus a Mercogliano, è il sesto

 

Torna il maltempo in Irpinia, da domani piogge forti e temporali

maltempo

(maltempo)
(Foto: Irpiniareport)

Torna il maltempo. La Protezione civile regionale ha emanato un avviso di allerta meteo per piogge e temporali con criticità idrogeologica di livello Giallo su buona parte del territorio campano a partire dalle 9 di domani. Su tutte le zone ad esclusione della 4 (Alta Irpinia e Sannio) e della 7 (Tanagro) si prevedono “precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, puntualmente anche di moderata intensità”. Nel bollettino sono indicate anche “possibili raffiche di vento nei temporali”. Il rischio idrogeologico e, in particolare il possibile fenomeno di frane superficiali, – è evidenziato nell’avviso – potrebbe essere acuito in bacini e territori particolarmente fragili a causa degli effetti delle precipitazioni dei giorni scorsi e, in particolare, della saturazione dei suoli. Tra gli altri effetti al suolo previsti sono indicati: “Ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale; allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno; scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali e possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse; innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con inondazioni delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, ecc); possibili cadute massi in più punti del territorio”. La Protezione civile raccomanda alle autorità competenti di “porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni attesi sia in ordine alle precipitazioni piovose che in relazione alle sollecitazioni dei venti e del moto ondoso”.

Condividi