IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Da oggi riaprono gli scavi archeologici di Mirabella Eclano
Avellino, obbligo della mascherina al Corso da oggi fino a lunedì. Multa da 400 euro per i trasgressori
Ferragosto in Irpinia, scattati i controlli per garantire sicurezza e legalità
Coltivavano piante di cannabis, nei guai padre e figlia
Pugni e schiaffi a un giovane per rapinarlo dello smartphone, arrestato napoletano
Tragedia sfiorata in autostrada: albero cade sull'A16
Avellino, movida e assembramenti: vietata la vendita di alcolici dopo le 21 nei market
Guasto condotta idrica a Mercogliano, dieci Comuni senz'acqua
Ospedale di Solofra, restituiti ai donatori i 230mila euro raccolti per la realizzazione della terapia intensiva
Uffici Postali aperti a Ferragosto, 160 ad Avellino e provincia

 

Trasgredisce gli obblighi della misura cautelare, arrestato 26enne pregiudicato

auto carabinieri

(auto carabinieri)

I carabinieri della Compagnia di Avellino hanno arrestato De M.G. 26enne pregiudicato e sottoposto al regime degli arresti domiciliati presso la propria abitazione di San Martino Valle Caudina, in esecuzione all’ordinanza di aggravamento della misura cautelare emessa dall’ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Avellino perché responsabile di aver trasgredito alle prescrizioni inerenti il provvedimento restrittivo. In pratica, il giovane si trovava agli arresti domiciliari in seguito ad una rapina perpetrata il 24 aprile di quest’anno ai danni di un distributore di benzina di Roccabascerana e gli era stato anche applicato il divieto di comunicare e trattenersi con persone diverse dai familiari conviventi. Durante il controllo effettuato dai carabinieri lo scorso 28 giugno, il giovane è stato sorpreso in compagnia di uno zio non convivente, con gravi pregiudizi penali a carico. Sulla base di questa circostanza, il giudice per il indagini preliminari del Tribunale di Avellino ha decretato la sostituzione della misura cautelare degli arresti domiciliari con quelli della reclusione in istituto di pena. Perciò, al termine delle formalità connesse all’arresto, il giovane è stato tradotto presso il carcere di Bellizzi Irpino, dove dovrà rimanere a disposizione dell’autorità giudiziaria sino a nuove determinazioni.

Condividi