IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, incidente in via Due Principati: auto sbanda e finisce nella scarpata. Ferita una ragazza
La Sala Consiliare di Palazzo Caracciolo intitolata a Pietro Foglia. Biancardi: “Mercoledì la cerimonia a un anno dalla dipartita”
Risorse idriche, il presidente Picariello (Odaf): "Ottimizzare la gestione per aumentare il contenuto di sostanza organica nei suoli"
Bloccati sull'A16 a bordo di un furgone con attrezzi da scasso e denaro contante
Atripalda, ruba prodotti nel supermercato. Denunciato dipendente
Operai in nero in un cantiere, nei guai un imprenditore edile
Monteforte Irpino, sorpresi a tagliare faggi in area protetta. Denunciati
Gas Radon, prorogata la scadenza per i controlli. Mocella (Confartigianato): "Sgravi per le attività obbligate alle verifiche"
Mercogliano, riattivato lo sportello antiracket
Spostamento terminal bus, riunione in Provincia

 

Trova un cellulare e tenta di estorcere denaro al proprietario, denunciato 60enne di Atripalda

I carabinieri di Atripalda

(I carabinieri di Atripalda)
(Foto: Carabinieri)

I Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno deferito in stato di libertà un 60enne del posto, ritenuto responsabile di tentata estorsione. Tutto è iniziato qualche giorno fa quando un uomo di Avellino si presentava in Caserma denunciando lo smarrimento del suo smartphone, avvenuto poco prima nel pieno centro del capoluogo irpino, riferendo di aver subito telefonato al suo numero e di aver ricevuto la modesta ma assurda richiesta di 30 euro per la riconsegna del cellulare. Il malcapitato accettava di collaborate con i militari, fingendo quindi di cedere alla richiesta: la centralissima Piazza Umberto I di Atripalda, il luogo stabilito per lo scambio pattuito telefonicamente. A quell’appuntamento si sono recati però anche i Carabinieri in borghese i quali, appostati poco distante, hanno assistito all’intera scena e bloccato il 60enne che aveva appena ricevuto il contante richiesto per la restituzione dello smartphone. Condotto il Caserma, a carico del predetto (già noto alle Forze dell’Ordine) è dunque scattata la denuncia alla Procura della Repubblica di Avellino. Dopo le formalità di rito, il cellulare, unitamente alla cover rinvenuta all’esito di perquisizione domiciliare, è stato restituito all’avente diritto.

Condividi