IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Spaventoso incidente tra due auto, due feriti. Muore ragazza 36enne
Schianto nella notte a Cesinali, ferito 56enne
Violenta rissa tra giovani, 8 denunce. Chiuso un bar
Fiamme a un bar nella notte, s'indaga. Si segue la pista dolosa
Nascondeva la droga negli slip per poi spacciarla, nei guai 20enne
Fanno esplodere lo sportello bancomat e danno fuoco all'auto
Va in ospedale per partorire e scopre di avere il Coronavirus
Padre e figlia azzannati da un pitbull, ricoverati in ospedale
Rapina al portavalori della Cosmopol a Valle, i dettagli di quanto accaduto
Scosse di terremoto tra Rocca San Felice e Sant'Angelo dei Lombardi

 

Trova un cellulare e tenta di estorcere denaro al proprietario, denunciato 60enne di Atripalda

I carabinieri di Atripalda

(I carabinieri di Atripalda)
(Foto: Carabinieri)

I Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno deferito in stato di libertà un 60enne del posto, ritenuto responsabile di tentata estorsione. Tutto è iniziato qualche giorno fa quando un uomo di Avellino si presentava in Caserma denunciando lo smarrimento del suo smartphone, avvenuto poco prima nel pieno centro del capoluogo irpino, riferendo di aver subito telefonato al suo numero e di aver ricevuto la modesta ma assurda richiesta di 30 euro per la riconsegna del cellulare. Il malcapitato accettava di collaborate con i militari, fingendo quindi di cedere alla richiesta: la centralissima Piazza Umberto I di Atripalda, il luogo stabilito per lo scambio pattuito telefonicamente. A quell’appuntamento si sono recati però anche i Carabinieri in borghese i quali, appostati poco distante, hanno assistito all’intera scena e bloccato il 60enne che aveva appena ricevuto il contante richiesto per la restituzione dello smartphone. Condotto il Caserma, a carico del predetto (già noto alle Forze dell’Ordine) è dunque scattata la denuncia alla Procura della Repubblica di Avellino. Dopo le formalità di rito, il cellulare, unitamente alla cover rinvenuta all’esito di perquisizione domiciliare, è stato restituito all’avente diritto.

Condividi