IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Scomparsa Lo Conte, Mocella (Confartigianato): "Garbo e determinazione lo distinguevano. Bisogna proseguire nel suo nome per rilanciare l'Irpinia"
Coronavirus, i casi in Irpinia arrivano a 329
Gli effetti dell'emergenza Coronavirus sull'agricoltura, Picariello: "Le filiere vitivinicole, florovivaistiche e lattiero-casearie le più colpite"
Coronavirus, il presidente Biancardi: “Entro venerdì la Provincia consegna i kit in vitro veloce per la diagnosi”
Covid-19, altri 6 contagi in Irpinia. Il bilancio sale a 228
Ruba un'auto, nei guai 28enne
Covid-19, sale il bilancio in Irpinia: 222 le persone contagiate
Sanificazione, Confindustria mette a disposizione strumenti e conoscenze
Coronavirus, 2 morti al Moscati
Emergenza Covid-19, Gambino (Usmia): "Tutelare gli operatori delle forze armate"

 

Truffe su internet, quattro denunce

I truffatori si occupavano di vendite all'asta

Truffa on-line

(Truffa on-line)
(Foto: Lorem Ipse)

I carabinieri della Stazione di Atripalda hanno denunciato quattro persone per truffe perpetrate attraverso internet. Le indagini sono state avviate qualche mese fa in merito a due segnalazioni effettuate da cittadini atripaldesi. In entrambi i casi si è trattato del classico raggiro commesso attraverso i siti di aste e vendite online. Nel primo caso, un uomo di Atripalda aveva deciso di comprare un iphone 4 ad un prezzo molto vantaggioso attraverso il noto sito ebay, ma nonostante l’invio anticipato di quasi 500 euro, il povero acquirente truffato non ha mai ricevuto alcun telefono o altra notizie da parte del fantomatico venditore. Nel secondo caso, invece, un giovane sempre di Atripalda aveva adocchiato, su due distinti siti di vendite online, un personal computer ed una scheda di espansione della RAM e, ritenendo i prezzi di vendita molto convenienti, aveva deciso di inviare in modo anticipato addirittura 1500 euro, anche qui senza ricevere di contro alcun bene. In questa circostanza, pertanto, i venditori del computer e della scheda di espansione erano due truffatori diversi e il giovane Atripaldese ha avuto la sfortuna d’incontrarli entrambi in un solo momento. Al termine delle attività d’indagine, però, i carabinieri sono addivenuti all’identificazione dei tre truffatori, identificati rispettivamente in un 30enne di Capri, un 40enne di Cremona ed in un 65enne di Foggia, anche se in quest’ultimo caso è lecito ritenere che l’autore materiale della truffa, al di là dell’account utilizzato, sia il figlio del pugliese.

Condividi