IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Covid-19, quarto decesso nella giornata: muore una 82enne. Ricoverata per polmonite
Covid-19, dimessi il 15enne e la mamma ricoverati al Moscati una settimana fa
Covid-19, terza vittima in poche ore: muore 66enne
Covid-19, aggiornamento contagi: 93 i positivi
Scuole, in Campania restano chiuse. Per la primaria monitoraggio fra 10 giorni
Demolizione viadotto di Manocalzati, traffico deviato fino al 22 dicembre
Covid-19, secondo decesso al Moscati
Covid-19, muore al Moscati un altro anziano
Castagne e nocciole in Irpinia, produzione 2020. Agronomi Irpini: "Buona la quantità e la qualità, ma i prezzi ancora troppo bassi"
Furto nel tabacchi, rubati sigarette e "gratta e vinci". Bottino da quantificare

 

Ucraino arrestato per evasione

Blitz dell'Arma a Mercogliano

Carabinieri in azione

(Carabinieri in azione)
(Foto: Carmine Bellabona)

Nella tarda serata di ieri, i carabinieri del Comando Stazione di Mercogliano hanno tratto in arresto un cittadino ucraino pregiudicato, 41enne domiciliato a Mercogliano, ch’era ristretto in regime di arresti domiciliari presso la sua abitazione, per scontare una condanna ad 8 mesi di reclusione per aver continuato a permanere illegalmente sul territorio dello stato italiano nonostante l’emissione di un ordine di espulsione. L’uomo, che nel settembre 2009 era stato tratto in arresto proprio dagli stessi carabinieri di Mercogliano perché clandestino, al termine del conseguente procedimento penale è stato giudicato colpevole del cosiddetto reato di clandestinità e perciò condannato alla sopraccitata pena detentiva. L’uomo, però, nella giornata dello scorso 29 marzo, era stato notato dai carabinieri di Mercogliano fuori dall’abitazione ove era stato ammesso a fruire dei domiciliari. L’uomo, infatti, senza richiedere alcun permesso ai magistrati competenti, aveva pensato bene di recarsi dal fotografo per farsi fare le fototessere necessarie ai documenti di soggiorno in Italia. Sebbene non arrestato al momento della trasgressione dei domiciliari, i carabinieri compilarono poi un’annotazione per il magistrato di sorveglianza. Questi, ravvisati gli estremi del reato di evasione, ha quindi emesso una nuova ordinanza nei confronti dell’uomo, sospendendo il beneficio della detenzione domiciliare e disponendo quello delle custodia in un Istituto Penitenziario.

Condividi