IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Agricoltura di precisione e castanicoltura, procedono gli iter in Commissione. Petracca: "Dialogo necessario per risposte efficaci"
Si presenta il bando "Resto al Sud", nuove opportunità per avviare un'impresa nel Mezzogiorno
Baby gang in azione sul bus, interrompono il servizio e ingiuriano l'autista
Sorpresi a rubare in un'azienda, arrestati
Torna ad Ariano il noto pianista e direttore d'orchestra messicano Enrique Bàtiz
Investito dall'auto dell'amico, 20enne in coma al Moscati
Avellino, rissa tra ragazzi in via Carmine Barone. Individuati i responsabili
Avellino, le abitazioni di Contrada Sant'Eustachio nel mirino dei ladri. Sventati 5 furti
Avellino, si apre una voragine in via Speranza. Strada chiusa al traffico
Perde il controllo dell'auto e finisce contro un albero. Paura per una donna

 

Utilizzava acqua inquinata per la sua attività, denunciato un imprenditore solofrano

Acqua

(Acqua)
(Foto: Irpiniareport)

Un imprenditore solofrano è stato denunciato dai Carabinieri della Compagnia di Avellino alla Procura della Repubblica diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo, perché ritenuto responsabile del reato di violazione di sigilli. Le indagini svolte dai Carabinieri della Stazione di Solofra, corroborate dal continuo monitoraggio di tale deplorevole azione destinata inevitabilmente a compromettere l’ambiente e, di conseguenza, il benessere delle persone, hanno permesso di appurare che l’opificio utilizzava un impianto idrico sottoposto a sequestro nel 2014 (allorquando si constatava che l’acqua impiegata nel ciclo di lavorazione delle pelli, avente un valore di tetracloroetilene superiore ai limiti di legge, era stata emunta da pozzi e sversata nelle vasche di accumulo): per eludere i controlli era stato manomesso il contatore, continuando ad emungere acqua dalla falda inquinata, immettendola nel ciclo produttivo e sversandola illecitamente anche nel torrente Solofrana. Nel corso del controllo, all’interno dello stabilimento sono stati rinvenuti 20 bancali contenenti pelli ovine e caprine prive di tracciabilità, ragion per cui scattava, sia a carico dell’imprenditore che di un socio, la denuncia alla medesima Autorità Giudiziaria anche per il reato di ricettazione. Alla luce delle irregolarità riscontrate, i Carabinieri hanno proceduto quindi al sequestro della citata rete di approvvigionamento idrico e delle circa 4mila pelli.

Condividi