IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Aggressione al carcere di Bellizzi, detenuti in ospedale
Nascondeva la droga nella playstation, nei guai 50enne
Ovini e bovini non registrati presso un'azienda: denunciato il titolare per truffa, ricettazione e falsità in atti
Avellino, appartamento in fiamme a Borgo Ferrovia
Aiello del Sabato, sorpresi a coltivare droga nei campi. Nei guai marito e moglie
Avellino, truffatore maldestro cade per le scale e si frattura un femore
Assalto in una gioielleria, razzia di orologi e oro. Bottino da quantificare
Tenta il suicidio assumendo psicofarmaci, 34enne salvata in extremis
Fiamme a un deposito, paura per i residenti della zona
Non corre pericolo di vita il 20enne colpito al volto con una mannaia da macellaio

 

Va dalla fidanzata nonostante i domiciliari. In manette un 30enne

In azione i carabinieri della stazione di Atripalda

Carabinieri

(Carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

E' costata cara ad un giovane di Atripalda la tentazione di andare a casa della fidanzata. L'uomo, costretto alla detenzione domiciliare, è stato "beccato" dai carabinieri e ammanettato. I militari della Stazione di Atripalda, infatti, hanno tratto in arresto per evasione un noto pregiudicato 30enne del posto, residente in contrada Alvanite e che, ad uno dei consueti controlli alle persone gravate da misure cautelari, è stato trovato assente in casa. I carabinieri hanno constatato infatti come in casa vi fosse soli il padre ma del ragazzo non vi fosse traccia alcuna. Anzi, il giovane aveva pure lasciato un messaggio per il padre in cui diceva ch’era dovuto recarsi ad Avellino. I militari dell’Arma si sono quindi messi alla ricerca del pregiudicato, che è stato rintracciato dopo una mezzora mentre stava tonando verso casa, a piedi e con in mano una statuetta del famoso personaggio dei cartoni animati Lupin. Tratto immediatamente in arresto per il reato di evasione, il giovane ha detto di essersi dovuto recare con urgenza dalla ragazza. Trattenuto nelle camere di sicurezza della Stazione Carabinieri, è stato processato con rito per direttissima presso il Tribunale di Avellino

Condividi