IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Monteforte, tenta di rubare una moto al concessionario. Arrestato 25enne
Trasformano aree boscate in castagneti senza autorizzazione, nei guai in tre
BirrArt Sud, a Cesinali la kermesse dedicata alla birra artigianale campana
Conservatorio “Cimarosa”, la Provincia chiede la revoca dell’ordinanza comunale
Schianto tra moto e furgone, muore una 29enne
In carcere gli aguzzini di un imprenditore di Mercogliano, volevano appropriarsi di un appartamento
Avellino, perquisizioni nelle ville comunali: 45enne sorpreso a spacciare hashish
Si alza il sipario sul Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019, ad Avellino l'evento degli agronomi
Rubano i dati personali di un'anziana e stipulano contratti telefonici, tre denunce
Con l'auto a zig zag sul raccordo, nei guai 43enne di Avellino

 

Va dalla fidanzata nonostante i domiciliari. In manette un 30enne

In azione i carabinieri della stazione di Atripalda

Carabinieri

(Carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

E' costata cara ad un giovane di Atripalda la tentazione di andare a casa della fidanzata. L'uomo, costretto alla detenzione domiciliare, è stato "beccato" dai carabinieri e ammanettato. I militari della Stazione di Atripalda, infatti, hanno tratto in arresto per evasione un noto pregiudicato 30enne del posto, residente in contrada Alvanite e che, ad uno dei consueti controlli alle persone gravate da misure cautelari, è stato trovato assente in casa. I carabinieri hanno constatato infatti come in casa vi fosse soli il padre ma del ragazzo non vi fosse traccia alcuna. Anzi, il giovane aveva pure lasciato un messaggio per il padre in cui diceva ch’era dovuto recarsi ad Avellino. I militari dell’Arma si sono quindi messi alla ricerca del pregiudicato, che è stato rintracciato dopo una mezzora mentre stava tonando verso casa, a piedi e con in mano una statuetta del famoso personaggio dei cartoni animati Lupin. Tratto immediatamente in arresto per il reato di evasione, il giovane ha detto di essersi dovuto recare con urgenza dalla ragazza. Trattenuto nelle camere di sicurezza della Stazione Carabinieri, è stato processato con rito per direttissima presso il Tribunale di Avellino

Condividi