IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Coronavirus, scuole e Università chiuse fino a sabato. C'è l'ordinanza del Governatore De Luca
Primo caso di Coronavirus in Campania arriva dal Vallo della Lucania, si tratta di una 26enne biologa
Coronavirus, un probabile caso positivo in Campania
Allarme Coronavirus, le raccomandazioni dell'ordine dei Medici di Avellino
Coronavirus, Carlo Sibilia: "Nessuna emergenza in Irpinia"
Coronavirus, allerta in Irpinia: summit in prefettura. Attivo il numero verde
Coronavirus, fake news su facebook: denunciati due serinesi per procurato allarme
La Zeza di Cesinali protagonista ad Avellino alla sfilata dei Carnevali irpini
Allarme a Montefusco: 26enne torna in Irpinia da Codogno focolaio di Coronavirus. Famiglia in quarantena
Successo e partecipazione a Cesinali con la Zeza dei bambini della scuola primaria

 

Va dalla fidanzata nonostante i domiciliari. In manette un 30enne

In azione i carabinieri della stazione di Atripalda

Carabinieri

(Carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

E' costata cara ad un giovane di Atripalda la tentazione di andare a casa della fidanzata. L'uomo, costretto alla detenzione domiciliare, è stato "beccato" dai carabinieri e ammanettato. I militari della Stazione di Atripalda, infatti, hanno tratto in arresto per evasione un noto pregiudicato 30enne del posto, residente in contrada Alvanite e che, ad uno dei consueti controlli alle persone gravate da misure cautelari, è stato trovato assente in casa. I carabinieri hanno constatato infatti come in casa vi fosse soli il padre ma del ragazzo non vi fosse traccia alcuna. Anzi, il giovane aveva pure lasciato un messaggio per il padre in cui diceva ch’era dovuto recarsi ad Avellino. I militari dell’Arma si sono quindi messi alla ricerca del pregiudicato, che è stato rintracciato dopo una mezzora mentre stava tonando verso casa, a piedi e con in mano una statuetta del famoso personaggio dei cartoni animati Lupin. Tratto immediatamente in arresto per il reato di evasione, il giovane ha detto di essersi dovuto recare con urgenza dalla ragazza. Trattenuto nelle camere di sicurezza della Stazione Carabinieri, è stato processato con rito per direttissima presso il Tribunale di Avellino

Condividi