IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Torneo nazionale di scacchi on line, trionfano gli studenti del "Perna Alighieri"
In giro con droga durante il coprifuoco, nei guai un 20enne e un minorenne
Avellino, sfiorata tragedia a Rione Mazzini: cade albero su due auto
Approvato il nuovo decreto legge Covid: stop agli spostamenti tra Regioni. A Natale e Santo Stefano non si potrà uscire dal proprio Comune
“Avellino oltre lo sport”, il video degli irpini realizzato per la Giornata Internazione dei diritti delle persone con disabilità
Covid-19, i decessi in Irpinia salgono a 99. Oggi 69 casi positivi
Assoservizi - Scadenza saldo IMU 2020  clicca qui:
Pascolo senza autorizzazione sanitaria, due denunce. Multa da 3.500 euro
Prende a morsi un carabiniere, nei guai 30enne di Mercogliano
Verde pubblico, Picariello (Ordine Agronomi): "Un adeguato piano per tutelare la salute e maggiore protezione contro le calamità "

 

Viola il divieto di spostamento tra province per cercare una prostituta, nei guai un 69enne di Nusco

Controlli dei vigili urbani

(Controlli dei vigili urbani)
(Foto: Irpiniareport)

Ripulisce la propria autofficina e se ne va a spasso nel Napoletano alla ricerca di una prostituta. Nel frattempo sversa i rifiuti in aperta campagna. E' accaduto ad Acerra dove un uomo un 69enne di Nusco è stato denunciato per sversamento abusivo di rifiuti e per aver violato il divieto di spostamento tra province disposto in Regione Campania per frenare i contagi da Covid. Nei confronti del 69enne, che ha confessato la natura del suo spostamento, e' stata anche elevata una sanzione per favoreggiamento alla prostituzione. Secondo quanto si e' appreso, l'uomo e' stato sorpreso oggi e bloccato dalla Polizia municipale di Acerra mentre sversava i rifiuti in una zona abitualmente frequentata da prostitute. Durante i controlli gli uomini della polizia municipale hanno scoperto che il 69enne proveniva da Nusco, dove gestisce un'autofficina, dalla quale provenivano i rifiuti speciali abbandonati ad Acerra. L'uomo ha quindi confessato di aver violato il divieto di spostamento tra province.

Condividi