IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi
In trasferta da Foggia per commettere furti in Irpinia, fermati 5 pregiudicati
Ruba i dati di una carta di credito per acquistare il televisore, nei guai una 45enne
Tangenti per pilotare le sentenze, 14 arresti. Coinvolti due irpini

 

Volturara, sequestrati 11 quintali di cannabis in un'azienda agricola

la cannabis sativa sequestrata

(la cannabis sativa sequestrata)
(Foto: Carabinieri della Compagnia di Avellino)

Proporzioni sempre maggiori sta assumendo nella nostra Irpinia, già famosa per i suoi noccioleti e castagneti, la coltivazione della cosiddetta “canapa light”, ovvero appartenente ad alcune varietà contenenti una quantità di principio attivo (THC) non superiore allo 0,6 %, da destinare agli scopi più vari (alimentari, cosmetologici, florovivaistici). Nell’ambito di una campagna di controllo mirata al monitoraggio di tale fenomeno, i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Volturara Irpina hanno proceduto, presso un’azienda agricola sita nel medesimo comune, al sequestro di circa 1.100 chili di “cannabis sativa” per un valore commerciale superiore a 300mila euro, che, in base alle analisi di laboratorio condotte dall’Ufficio di Igiene Alimentare della ASL di Avellino, risultava contaminata da agenti microbiologici a seguito di conservazione in locali non a norma. La merce, sottoposta a sequestro sanitario per violazione del Regolamento CE 882/2004, finalizzato alla tutela della salute pubblica, è stata distrutta sullo stesso luogo di produzione, mediante spandimento a terra e successiva aratura.

Condividi