IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, celebrazioni per la Madonna Assunta: stasera messa in Piazza Libertà
Ubriaco al volante provoca incidente sull'Ofantina, denunciato
Spaccio di droga, detenzione di munizioni illegali e furto: nei guai dipendente di un supermercato
Si finge corriere e raggira un'anziana per 4500 euro, truffatore incastrato dalle impronte lasciate sul pacco
Da oggi riaprono gli scavi archeologici di Mirabella Eclano
Avellino, obbligo della mascherina al Corso da oggi fino a lunedì. Multa da 400 euro per i trasgressori
Ferragosto in Irpinia, scattati i controlli per garantire sicurezza e legalità
Coltivavano piante di cannabis, nei guai padre e figlia
Pugni e schiaffi a un giovane per rapinarlo dello smartphone, arrestato napoletano
Tragedia sfiorata in autostrada: albero cade sull'A16

 

Al Museo di Bisaccia in esposizione l'arte di Vitoni

Una scultura di Vitoni

(Una scultura di Vitoni)
(Foto: Irpiniareport)

BISACCIA - Sabato 29 ottobre nella sala “della principessa” del Museo Archeologico di Bisaccia l’arte moderna incontra l’arte antica con la mostra di pittura e scultura di Vito Nicoletta, in arte Vitoni. L’artista napoletano, la cui opera è caratterizzata da un astrattismo surreale che si traduce in nuove forme espressive marcatamente simboliche, terrà in esposizione alcune sue opere dal 29 ottobre al 6 novembre 2016. “Vitoni ha scelto il nostro contenitore culturale – dichiara Valentina Aloisi, assessore delegato al Museo e al Castello Ducale di Bisaccia – per far conoscere anche a noi Irpini i suoi lavori attraverso questa mostra personale che siamo lieti di ospitare nell’ambito delle iniziative culturali che rientrano in un programma di eventi annuali volti alla promozione delle potenzialità attrattive del nostro territorio”. Titolo dell’esposizione temporanea è “I mostri che abbiamo dentro”: l’artista da tempo si occupa di queste tematiche con il fine di riportare all’attenzione del pubblico – attraverso le sue opere – il tema dei “mostri” che abitano nell’intimo dell’uomo e che possono emergere in qualsiasi momento alla luce della coscienza come da una caverna sotterranea che abbia una sola fessura comunicante con l’alto e verso l’esterno. Insomma “Vitoni – come afferma Giampiero Galasso, direttore scientifico del museo – cerca di rappresentare, di far uscire alla superficie del visibile e materializzare, attraverso la sua arte e soprattutto attraverso le sue sculture in ferro, in pietra o in legno, i mostri che abbiamo dentro…”. L’appuntamento è dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00: durante i giorni della mostra sarà possibile comunque visitare il museo con visite guidate a cura dello staff di accoglienza. Per l’occasione, sabato 29 ottobre il museo archeologico sarà aperto al pubblico fino alle ore 22.00.

Condividi