IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Compra on-line un'opera letteraria da 2.700 euro, a casa arriva un libro da quattro soldi
Avellino, sorvegliato speciale finisce in carcere
I numeri della pandemia in Irpinia, 11.096 casi e 251 vittime
Aumento dei contagi tra i giovani: divieto di uscire per i minorenni
Covid-19, aumento dei contagi in Irpinia in 7 giorni. È allarme
Vaccinazioni personale scolastico, Alaia scrive all'Asl: "Necessari più punti vaccinali in Irpinia"
Il Covid-19 miete ancora vittime in Irpinia, registrati altri due decessi
Covid-19, preoccupazione a Contrada: in dieci giorni 35 casi positivi
Avellino, al via oggi le vaccinazioni per gli over 80. Allestiti 6 box al campo Coni
Covid-19: due feste abusive innescano focolai tra Calitri, Lioni e Bisaccia

 

Amarcord: Veglione di Capodanno a Lapio nel 1970

Veglione di Capodanno 1970

(Veglione di Capodanno 1970)
(Foto: Irpiniareport )

Amarcord: Veglione di Capodanno a Lapio nel 1970 Il 31 dicembre 1970, nel cinema teatro Alere Flammam di Lapio, si tenne il “veglionissimo” di Capodanno. La Kermesse, organizzata dall’impresario Vittorio Iannino ebbe un grandissimo riscontro di partecipazione, essendo per i giovani di quell’epoca molto innovativa, infatti, ebbe larga eco anche nei comuni limitrofi. Oltre cento giovani aspettarono il nuovo anno ballando al ritmo della musica Beat del “complesso” musicale avellinese “Carnaby Street Band” fondato e capitanato da Vincenzo Napolillo. Gli altri componenti del gruppo, che si esibirono in quella notte fatidica di cinquant’anni fa, furono oltre a Vincenzo Napolillo alla chitarra solista, Mario Montanari all’organo elettronico, Sergio Esposito alla chitarra basso, Gianfranco Turis alla batteria e Nino Renzulli alla voce solista. I giovani lapiani di quel periodo, oggi quasi tutti settantenni, ricordano ancora quell’evento con tanta simpatia ma con grande comprensibile nostalgia.

Condividi