IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Sequestrati due quintali di salumi, mozzarella e pasta fresca
Schianto nella notte sull'Ofantina, cinque feriti
Munizioni della Seconda Guerra Mondiale ritrovate in un fabbricato, s'indaga
Investe una donna e fugge. Rintracciato e denunciato il pirata della strada
Esaudito il desiderio della piccola Giovanna: video chiamata con i "Me contro Te"
Precipita dall'ultimo piano, muore studentessa. Tragedia al campus di Fisciano
Open Day delle malattie della pelle, al Moscati visite dermatologiche gratuite
Incidente nella galleria di Solofra, ferita una 60enne di Aiello
Giovane professore si toglie la vita lanciandosi giù dal ponte
Scuola Premio Digitale, il Convitto nazionale "Colletta" polo provinciale per l'innovazione tecnologica

 

Atripalda, il maestro Di Donato in concerto nella Chiesa di Sant'Ippolisto

L'evento segna l'inizio dell'anno pastorale

Concerto del maestro Gianluca Di Donato

(Concerto del maestro Gianluca Di Donato)
(Foto: Irpiniareport)

Domenica 24 novembre alle ore 19.30 la chiesa di Sant'Ippolisto martire ad Atripalda ospiterà un concerto per pianoforte del maestro Gianluca Di Donato. L'evento segna l'inizio del nuovo anno pastorale e si realizza grazie alla sensibilità artistica e culturale del parroco don Fabio Mauriello. Il maestro Gianluca Di Donato suonerà brani di Beethoven, Bach e Busoni, nonché Brahms, sul cui ultimo ciclo pianistico Di Donato ha scritto un libro. Il pianista avellinese si è diplomato presso il Conservatorio “Cimarosa” di Avellino, con il massimo dei voti. Intraprende la carriera concertistica in occasione del suo debutto al Festival Pianistico Internazionale di Amalfi del 1991 durante il quale riceve la targa Mozart quale più giovane pianista presente nella storia del Festival. Ha tenuto concerti per alcune tra le più grandi società da concerto italiane. Ha suonato per il Teatro “San Carlo” di Napoli, il Festival Internazionale di Amalfi e Ravello. Ha studiato con Aldo Ciccolini con il quale si è perfezionato presso l’Accademia “Colucci” di Fasano, ha seguito Masterclass con András Schiff, Boris Petrushansky, Lazar Berman, Piero Rattalino, Gianna Valente e Noretta Conci-Leech. Nel 1998 ha vinto una borsa di studio presso l’Accademia Pucciniana di Isernia che l’ha portato, tra l’altro, anche in Germania e Austria dove ha eseguito il 2° Concerto di Brahms. Sempre lo stesso anno è stato invitato all’Auditorium Kaufmann e a tenere una serie di seminari presso l’Ecole Européenne Ha suonato sia in recital sia in formazioni cameristiche che con orchestra, Filarmonica Marchigiana, Orchestra di Stato di Sofia, Orchestra di Minsk, i Wiener Kammerorchester, Orchestra da Camera della Bielorussia, l’Orchestra da Camera della Campania e del Teatro “Cilea” di Reggio Calabria ha tenuto lezioni e conferenze su Schubert, Beethoven, Brahms e sulla storia della letteratura pianistica tedesca nell'Ottocento. Nel 2006 in occasione del duecento cinquantesimo della nascita di Mozart ha eseguito e diretto gli ultimi 10 concerti per pianoforte con l’orchestra sinfonica di Minsk. Nel 2008 ha debuttato presso il Gasteig di Monaco di Baviera eseguendo il terzo concerto di Beethoven con i Münchner Philharmoniker ottenendo un grande successo che l’ha portato a ricevere un invito per la stagione 2010-2011 quando debutterà anche in alcune delle più importanti sale da concerto del mondo come il Musikverein di Vienna e la Tonhalle di Zurigo e collaborazioni con i Wiener Symphoniker Collabora con artisti del calibro di Luigi Piovano, Anna Armatys e il Quartetto dei Berliner Philarmoniker. Nel 2009 ha debuttato presso il Politecnico di Torino per la Polincontri e il teatro Olimpico di Vicenza ed ha eseguito inoltre tre concerti in recital trio e con orchestra dedicati ai duecento anni dalla morte di Haydn. A partire dal 2009 ha eseguito per la seconda volta in otto concerti l’integrale dell’opera pianistica di Franz Schubert, autore del quale è considerato uno dei migliori interpreti italiani, e comunque primo ed unico pianista italiano ad aver seguito l’intero corpus schubertiano dal vivo.

Condividi