IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Allarme Confartigianato Avellino: “Il 35,67% dei dipendenti delle aziende artigiane e Pmi a rischio licenziamento”
In fila per il vaccino scopre di avere il Covid. Caos e paura a Monteforte Irpino
Il Covid uccide un medico di famiglia di San Sossio Baronia
Rubano un'auto in una villa, ripresi dalla videosorveglianza. È caccia ai ladri
Riprese le ricerche di Domenico Manzo scomparso da Prata Principato Ultra due mesi fa
Guasto condotta idrica a Cassano Irpino: 100 Comuni senz'acqua. Ecco quali
Trovato impiccato a un albero, choc nelle campagne di Bonito
Covid-19, picco in Irpinia: registrati 147 contagi
Covid-19, nuova impennata dei contagi in Irpinia. Mai tanti dal mese di dicembre
Compra on-line un'opera letteraria da 2.700 euro, a casa arriva un libro da quattro soldi

 

Avellino, alla Casina del Principe in esposizione le sculture di Egidio Iovanna

La scultura di Egidio Iovanna

(La scultura di Egidio Iovanna)
(Foto: Irpiniareport)

AVELLINO - L’esposizione è composta dall’installazione di recenti ed inedite opere dello scultore Egidio Iovanna. Lo studio si dipana e si sviluppa sul tema dei Guardiani della coscienza, figure astratte con riferimento alle proporzioni umane, dall’aspetto stilizzato ispirato ad una serena verticalità; un ritorno alla potenza espressiva dell’essenzialità della forma e della severità della coscienza. La proposta nasce da una dicotomia antico-nuovo, declinata sia in termini materici che spaziali, che contribuisce ad una suggestione espositiva caratterizzata da una profonda sintonia tra le sculture dell’artista e lo spazio che le ospita: il Casino del Principe. Egidio Iovanna (Fontanarosa - Av. -) progetta le sue sculture per poi realizzarle in pietra, sperimentando sistemi innovativi di lavorazione. E’ presente sul panorama dell'arte contemporanea nazionale e internazionale con le sue sculture e il suo design. Iovanna nasce e si forma in una famiglia di cavatori e scalpellini che da più generazioni si tramanda l’arte della lavorazione della pietra. Dopo una formazione giovanile avvenuta a Carrara a stretto contatto con i più grandi maestri italiani del Secondo Novecento come Pietro Cascella, Gigi Guadagnucci, Francesco Somaini, Nado Canuti inizia la sua carriera artistica. Iovanna acquisisce con estrema velocità la conoscenza di tecniche scultorie complesse manifestando da subito un precoce talento artistico che lo condurrà, dopo un periodo giovanile di sperimentazioni e viaggi tra Occidente ed Oriente, ad intraprendere una ricerca formale incentrata sulla pietra e a perfezionare una tecnica manuale che diviene sempre più virtuosa. Sempre in cerca della pietra giusta e spinto da una continua tensione verso la sperimentazione, l’artista ha partecipato a diverse mostre e simposi internazionali, confrontandosi e collaborando con artisti di tutto il mondo. Tra le ultime opere: "BEEFOR THE KISS" Andres institut of art N. H. USA - "DIALOG CONTINUED" Metropolitana di Hakirkoy , Istanbul - "STELE" Chiesa S. M. la Nova Museo Arca, Napoli - "PIETRE DAL MARE" Biblioteca B.R.A.U.U. Università Federico II° , Napoli

Condividi