IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
1515 posti nella Polizia di Stato, al via il concorso. C'è tempo fino al 4 luglio
Sbanda e si ribalta, 55enne di Cesinali incastrata nell'abitacolo dell'auto
Folla e commozione ad Ariano per l'arrivo delle reliquie di Santa Bernadette
Vinti mezzo milione di euro ad Altavilla con un "Gratta e Vinci"
Ospedaletto d'Alpinolo, cadono rami nel parco giochi: paura tra i presenti
Volturara Irpina, si allaciano alla condotta principale per non pagare l'acqua
Auguri Laura: 40, ma non li dimostra
Studentessa s'impicca nella sua stanza, tragedia in Irpinia
Fontanarosa, Gambino nominato Cavaliere al Merito dell'ordine della Repubblica
Sbanda con la moto e si schianta contro le auto in sosta, muore 26enne

 

Benedizione degli animali a Cesinali, nel cuore antico si rinnova la tradizione

La benedizione degli animali

(La benedizione degli animali)
(Foto: Irpiniareport)

Suggestiva la benedizione degli animali a Cesinali. Nel cuore antico del paese si è rinnovata la tradizione di Sant’Antonio Abate, protettore delle bestie. Un evento che da secoli attira i fedeli del posto e tanti provenienti da altre province. Mucche, tori, cani, cavalli, asini, conigli, galli, ma anche iguana e pitoni. Tutti bardati a festa. La comunità di Cesinali è particolarmente legata a questo appuntamento, che si tramanda da generazioni sempre con interesse ed entusiasmo immutato. “Chi festeggia Sant'Antuono, tutto l'anno 'o pass' bbuon”, il proverbio pronunciato in modo particolare dagli anziani. Dopo la benedizione, si è svolta la processione per le strade di campagna di Cesinali con il Santo trasportato a bordo di un trattore. In serata la degustazione delle prelibatezze locali attorno al falò in piazza Enrico Cocchia, dove c’è l’antica cappella che custodisce la statua di Sant’Antonio Abate.

Condividi