IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Violenta rissa tra giovani, 8 denunce. Chiuso un bar
Fiamme a un bar nella notte, s'indaga. Si segue la pista dolosa
Nascondeva la droga negli slip per poi spacciarla, nei guai 20enne
Fanno esplodere lo sportello bancomat e danno fuoco all'auto
Va in ospedale per partorire e scopre di avere il Coronavirus
Padre e figlia azzannati da un pitbull, ricoverati in ospedale
Rapina al portavalori della Cosmopol a Valle, i dettagli di quanto accaduto
Scosse di terremoto tra Rocca San Felice e Sant'Angelo dei Lombardi
Perde il controllo dell'auto e si schianta, ferita 56enne
"Pater Familias", quando un ristorante è narrazione della storia

 

Benedizione degli animali a Cesinali, nel cuore antico si rinnova la tradizione

La benedizione degli animali

(La benedizione degli animali)
(Foto: Irpiniareport)

Suggestiva la benedizione degli animali a Cesinali. Nel cuore antico del paese si è rinnovata la tradizione di Sant’Antonio Abate, protettore delle bestie. Un evento che da secoli attira i fedeli del posto e tanti provenienti da altre province. Mucche, tori, cani, cavalli, asini, conigli, galli, ma anche iguana e pitoni. Tutti bardati a festa. La comunità di Cesinali è particolarmente legata a questo appuntamento, che si tramanda da generazioni sempre con interesse ed entusiasmo immutato. “Chi festeggia Sant'Antuono, tutto l'anno 'o pass' bbuon”, il proverbio pronunciato in modo particolare dagli anziani. Dopo la benedizione, si è svolta la processione per le strade di campagna di Cesinali con il Santo trasportato a bordo di un trattore. In serata la degustazione delle prelibatezze locali attorno al falò in piazza Enrico Cocchia, dove c’è l’antica cappella che custodisce la statua di Sant’Antonio Abate.

Condividi