IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Covid-19, aggiornamento contagi: 69 i positivi
Truffe sulla piattaforma "Market Place", nella rete diversi irpini. Denunciato un pregiudicato salernitano
Covid-19, aggiornamento contagi in Irpinia: 61 positivi
Covid-19, proroga esenzione ticket fino al 31 gennaio 2021
Atripalda, schianto sulla Variante: tre feriti
Covid-19, aggiornamento contagi: 91 positivi. 33 solo ad Avella
Ingerenza del crimine organizzato, sciolto il Consiglio comunale di Pratola Serra
Covid-19, muore un 82enne al Moscati. Il secondo decesso nella giornata
Covid-19, aggiornamento contagi: 47 i positivi
Covid-19, contagiati due ragazzini di 14 e 16 anni

 

Benedizione degli animali a Cesinali, nel cuore antico si rinnova la tradizione

La benedizione degli animali

(La benedizione degli animali)
(Foto: Irpiniareport)

Suggestiva la benedizione degli animali a Cesinali. Nel cuore antico del paese si è rinnovata la tradizione di Sant’Antonio Abate, protettore delle bestie. Un evento che da secoli attira i fedeli del posto e tanti provenienti da altre province. Mucche, tori, cani, cavalli, asini, conigli, galli, ma anche iguana e pitoni. Tutti bardati a festa. La comunità di Cesinali è particolarmente legata a questo appuntamento, che si tramanda da generazioni sempre con interesse ed entusiasmo immutato. “Chi festeggia Sant'Antuono, tutto l'anno 'o pass' bbuon”, il proverbio pronunciato in modo particolare dagli anziani. Dopo la benedizione, si è svolta la processione per le strade di campagna di Cesinali con il Santo trasportato a bordo di un trattore. In serata la degustazione delle prelibatezze locali attorno al falò in piazza Enrico Cocchia, dove c’è l’antica cappella che custodisce la statua di Sant’Antonio Abate.

Condividi