IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, appartamento in fiamme a Borgo Ferrovia
Aiello del Sabato, sorpresi a coltivare droga nei campi. Nei guai marito e moglie
Avellino, truffatore maldestro cade per le scale e si frattura un femore
Assalto in una gioielleria, razzia di orologi e oro. Bottino da quantificare
Tenta il suicidio assumendo psicofarmaci, 34enne salvata in extremis
Fiamme a un deposito, paura per i residenti della zona
Non corre pericolo di vita il 20enne colpito al volto con una mannaia da macellaio
Identificato il cadavere nella piscina: si tratta di un pastore. È mistero sulla morte
Cadavere di un uomo rinvenuto nella piscina, choc in una villa
Avellino, ragazzo investito in via Circumvallazione finisce in ospedale

 

Benedizione degli animali a Cesinali, nel cuore antico si rinnova la tradizione

La benedizione degli animali

(La benedizione degli animali)
(Foto: Irpiniareport)

Suggestiva la benedizione degli animali a Cesinali. Nel cuore antico del paese si è rinnovata la tradizione di Sant’Antonio Abate, protettore delle bestie. Un evento che da secoli attira i fedeli del posto e tanti provenienti da altre province. Mucche, tori, cani, cavalli, asini, conigli, galli, ma anche iguana e pitoni. Tutti bardati a festa. La comunità di Cesinali è particolarmente legata a questo appuntamento, che si tramanda da generazioni sempre con interesse ed entusiasmo immutato. “Chi festeggia Sant'Antuono, tutto l'anno 'o pass' bbuon”, il proverbio pronunciato in modo particolare dagli anziani. Dopo la benedizione, si è svolta la processione per le strade di campagna di Cesinali con il Santo trasportato a bordo di un trattore. In serata la degustazione delle prelibatezze locali attorno al falò in piazza Enrico Cocchia, dove c’è l’antica cappella che custodisce la statua di Sant’Antonio Abate.

Condividi