IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Scuola, il 1 febbraio tornano in classe gli studenti delle superiori
Covid-19, un decesso all'ospedale "Frangipane"
Appropriazione indebita di auto, 40enne atripaldese ricercato dalla Repubblica Ceca
"Popolarmente Accasati", al via la sit-com promossa dal Teatro d’Europa. Il casting ad aprile
Anziani 80enni dispersi a Montevergine, soccorsi dai vigili del fuoco
Carenze igienico sanitarie, chiusa un'azienda alimentare di Ospedaletto d’Alpinolo
Maltrattamenti ai familiari, arrestato 30enne
Traffico di sostanze dopanti, perquisizioni dei Nas ad Avellino
Covid-19, deceduta al Moscati una 73enne di Chiusano
Atripalda, va a fuoco la stufa a gas. Paura per due anziani coniugi

 

Cinema e dintorni, al via l'iniziativa

Gli appuntamenti promossi da Penisola Onlus

L'ex Gil

(L'ex Gil)
(Foto: Carmine Bellabona)

Al via il terzo appuntamento cinematografico “Cinema e…”, il Cineforum Sociale proposto dall’Associazione di Volontariato Penisola Onlus. Quattro gli appuntamenti in calendario, quattro lunedì dedicati al confronto in cui l’esperienza personale e individuale di ognuno di noi diventa espressione di una società che cambia. Il 21 marzo il film “10 Ragazze”, un film indipendente e autoprodotto, che punta ad una concreta riflessione sul mondo dei reality show. Una scelta attuale e coerente con le vicende italiane del momento, la necessità di guardare con ironia le realtà immaginarie di 10 giovani ragazze che ambiscono ad un reality, mondo costruito e vissuto su regole dettate dal mercato che mal si coniugano con la complessa vita di tutti i giorni. Il film sarà presentato e commentato dalla regista Tessa Bernardi e dall’attrice Marta Rossi Romanelli, entrambe toscane, che ci aiuteranno a comprendere il significato profondo della necessità di voler rappresentare una tematica vicina ai giovani con attenzione e prudenza. Il secondo appuntamento, il 28 marzo, è dedicato ad un cult del cinema, il Film “Boys don’t cry”, un film del 1999 basato su una storia vera, che alla sua uscita ha suscitato non poche polemiche. La vita di una giovane ragazza omosessuale in una società che risponde con violenza ed emarginazione. Rossella Ciampi, psicologa e psicoterapeuta, ci illustrerà le dinamiche soggettive e relazionali che si intrecciano e si scatenano di fronte alla diversità. Nel terzo incontro, previsto per il 4 aprile, sarà proiettato il film “Il treno per il Darjeeling”, un viaggio in un'India colorata e pittoresca, autentica e surreale al tempo stesso si trasforma nell'ennesimo confronto familiare. Film divertente e emozionante che sarà commentato dalla psichiatra e psicoterapeuta Nicoletta Fiorentino. In chiusura, l’11 aprile Luisa Bellopede, psicologa e psicoterapeuta con i suoi spunti di riflessioni ci farà immergere nel mondo dell’America, quella delle battaglie degli afroamericani e della dichiarazione dei diritti civili. La vera novità di questa edizione è, dunque, la scelta di un film autoprodotto da giovani ragazzi che verranno da Firenze a illustrare le motivazioni che li hanno spinti a cimentarsi nell’arte cinematografica. L’Associazione Penisola auspica che tale iniziativa possa essere vissuta come stimolo e incoraggiamento per i giovani della nostra città. “Non possiamo esimerci dai ringraziamenti che vanno alla Soprintendenza di Avellino e Salerno e alle risorse umane degli uffici di Avellino che ci hanno sostenuto e patrocinato l’azione ospitandoci negli splendidi locali del Carcere Borbonico – spiega l’Associazione - ai tanti amici che a vario titolo hanno sostenuto la nostra azione, a Giannantonio Oliva, titolare della storica videoteca Casablanca che, con passione e interesse, ci ha consigliato e seguito, ai nostri ospiti che, con il loro intervento, ci permetteranno di raggiungere i nostri obiettivi. Un riconoscimento va sicuramente ai giovani volontari di Penisola che, anche in questa occasione, hanno mostrato entusiasmo e disponibilità; elementi che confermano la scelta dell’Associazione di mettere in campo iniziative che possano coinvolgere i giovani in prima persona, facendoli sentire protagonisti e, allo stesso tempo, sensibilizzandoli su tematiche sociali specifiche”. Gli appuntamenti sono tutti alle ore 20.00 presso la sede del Carcere Borbonico di Avellino, in Via Dalmazia. L’ingresso è gratuito.

Condividi