IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Nuova scossa di terremoto in Molise, avvertita ad Avellino
Lutto nazionale, rinviato il concerto di Clementino. Il sindaco Ciampi: "Vicini alla città di Genova"
Avellino, dramma a San Tommaso: operaio della Fca si toglie la vita
Gabriel Garko a Serino per la serata conclusiva del "Gran Galà della Pizza"
Il cantante rock Ray Wilson dei Genesis al "Gesualdo Folk Event"
Avellino, uomo investito in via Nappi
Forte scossa di terremoto in Molise, avvertita anche ad Avellino
Cade il Carro di Fontanarosa su una casa, tragedia sfiorata durante la "tirata"
Avellino, armato di pistola esplode colpi a Corso Europa. Fermato 50enne
Gogna consiglieri, Ugo Maggio: "Rinnovo l'invito a moderare i toni"

 

Conservatorio, sulle note di Paganini il "Cimarosa" inaugura la rassegna "D'autunno"

Conservatorio Cimarosa di Avellino

(Conservatorio Cimarosa di Avellino)
(Foto: Irpiniareport)

AVELLINO – E’ stato uno dei violinisti più importanti della storia della musica. Tra i compositori più influenti del Romanticismo italiano ed europeo. E il Conservatorio «Cimarosa» gli renderà omaggio valorizzando un aspetto meno conosciuto del suo repertorio. Venerdì 29 settembre, alle ore 21, presso l’Auditorium «Vitale» di piazza Castello, con «Niccolò Paganini - tra arco e pizzico» prende il via la nuova stagione del Conservatorio «Cimarosa» con il primo appuntamento della rassegna «D’autunno», rassegna concertistica che da settembre a novembre accompagnerà il pubblico avellinese attraverso tre secoli di musica, declinati sulle note di Vivaldi e Mascagni, Puccini e Paganini, Donizetti a Brahms, da Schumann a Cresta a Tchaikovsky. Con «Niccolò Paganini – Tra arco e pizzico» saliranno sul palco dell’Auditorium «Vitale» i maestri Mario Dell’Angelo al violino, Stefano Magliaro alla chitarra e Silvano Fusco al violoncello che eseguiranno alcuni tra i più importanti brani del repertorio di trio con chitarra composti dal grande Niccolò Paganini tra il 1808 e il 1833. Si partirà con la «Serenata in Do maggiore per viola, violoncello e chitarra», composta nel 1808 in omaggio alla sorella novella sposa e si proseguirà con il «Terzetto concertante per viola, violoncello e chitarra», per concludere con l’esecuzione del «Terzetto per violino, violoncello e chitarra» composti dal maestro Paganini nel 1833. Il concerto andrà a valorizzare un aspetto musicale del maestro Paganini meno noto al grande pubblico: quello legato al suo rapporto continuativo e intimo, seppur amatoriale, con la chitarra, strumento musicale che frequentava con una certa assiduità e che portava con sé a mo’ di base armonica per le sue composizioni. Nel vasto repertorio sia solistico che in trio e quartetto con gli archi, conosceremo un Paganini non solo grande violinista ma anche straordinario chitarrista da camera, non più proiettato all’esasperazione tecnica, ma orientato alle sonorità più dolci e cameristiche pur sempre eseguite con un livello meccanico e tecnico assolutamente elevato. Conosceremo l’aspetto più intimistico e meno spettacolare della sua musica in un concerto irripetibile. Il concerto «Niccolò Paganini – tra arco e pizzico» è ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti a sedere. Per maggiori informazioni telefonare al numero 0825.30622

Condividi