IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Scosse di terremoto tra Rocca San Felice e Sant'Angelo dei Lombardi
"Pater Familias", quando un ristorante è narrazione della storia
Spaventoso incidente sui binari, treno travolge auto. Ferito un 64enne irpino
Mancata ripresa degli sport da contatto, Barbaro (Asi): "È una decisione conservativa e insensata"
È morto il 53enne travolto dal trattore, choc a Torella dei Lombardi
Giovane 32enne muore dopo una gastroscopia, s'indaga
Fiamme in autostrada, distrutta un'auto. Salvi tre ragazzi
Sorpreso a bruciare rifiuti in una discarica abusiva, denunciato 38enne
Polveri sottili, andane e cippatura le alternative all’abbruciamento dei residui vegetali. Le proposte degli Agronomi
Solofra, sequestrato un cantiere per opere abusive. Denunciato l'imprenditore

 

Esordio letterario per la docente e giornalista irpina Marianna Morante

Domani la presentazione del suo libro

Marianna Morante

(Marianna Morante)
(Foto: Irpiniareport)

Domani 28 dicembre alle ore 17.00, presso la sala consiliare del Comune di Grottolella (Av), sarà presentato il romanzo dal titolo "Giuliana - Storia di una ragazza moderna degli anni '50" , edizioni Il Papavero. I destini della protagonista e dell'Italia che desidera rialzarsi - dal secondo dopoguerra fino al boom economico - s'incrociano nel racconto. Capitolo dopo capitolo dinanzi al lettore si affacciano pagine che, con dovizia di particolari, descrivono il viaggio nel mondo rurale, le spinte all'emigrazione, la politica e l'amore. Alla presentazione, oltre all'autrice, dopo i saluti del sindaco di Grottolella Antonio Spiniello, interverranno don Fabio Mauriello, Assistente Unitario di Azione Cattolica della Diocesi di Avellino, la giornalista Antonella Russoniello, l'artista Luca Pugliese, autore di alcune illustrazioni del volume, e l'editrice Donatella De Bartolomeis. Non mancherà la lettura di alcuni brani nel corso dell'appuntamento, a cura di Elena Spiniello della Compagnia Teatro di Gluck. L'invito a partecipare, oltre che all'intera cittadinanza, è esteso a quanti credono che attraverso la cultura passino la riduzione delle disuguaglianze, il riscatto ed il progresso delle civiltà.

Condividi