IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Spara agli uccelli tra le abitazioni, nei guai un anziano
Avellino-Lanusei, al via da oggi la prevendita dei biglietti
Violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia, arrestato 48enne di Solofra
Muore a 19 anni stroncato da un infarto, sotto choc la comunità di Chiusano e il Liceo Mancini
Caso di meningite a Solofra, bimba di sei anni trasferita al "Cotugno" di Napoli
E' irpino il pastore Maremmano-Abruzzese più bello d'Europa, medaglia d'oro a Caronte Arajani
Auto nella scarpata, conducente in ospedale
Atripalda Volleyball, buona la prima: battuto in trasferta il Cimitile
Maxi operazione antidroga in Campania, misure cautelari anche in Irpinia
Parco Eolico nei pressi dell'Oasi di Conza, il "no" delle Pro Loco irpine

 

Festival Internazionale del Cortometraggio: gran finale con Francesco Paolantoni, Roy Paci, Carmine Ioanna e Donato Inglese

A Venticano sabato 25 e domenica 26 agosto

Festival Internazionale del Cortometraggio - Corto e a Capo

(Festival Internazionale del Cortometraggio - Corto e a Capo)
(Foto: Irpiniareport)

Il Festival Internazionale del Cortometraggio giunge al termine, con le premiazioni dei corti in gara e la partecipazione di ospiti speciali come Francesco Paolantoni, Roy Paci, Carmine Ioanna e Donato Inglese. L'appuntamento è per sabato 25 e domenica 26 agosto a Venticano alle ore 20.30 presso la Cavea Teatrale alla Terrazza Piazza Monumenti ai Caduti. L'ingresso è libero. 

Costruire. Rinnovare. Conservare. Coltivare. Sui quattro rami principali dell'albero disegnato dal Maestro Mustone e divenuto simbolo della Quarta Edizione, ci sono le parole chiave di Corto e a Capo 2018. Il Festival Internazionale del Cortometraggio giunge al rush finale con le serate conclusive del 25 e 26 agosto a Venticano, che rivelano in pieno lo spirito dell'iniziativa: un rinnovamento consapevole delle radici, una costruzione attenta alle origini, una dedizione al territorio, espressa soprattutto nel tema chiave Se resto è perchè, immortalato in due documentari partecipati (Irpinia e Venticano), dedicati all'Irpinia che resta e costruisce. Dopo i due appuntamenti di S. Nicola Baronia e Grottaminarda si torna nella sede storica di Venticano per un happening a base di cinema e ospiti speciali. 
Sabato 25 il protagonista sarà il popolarissimo attore Francesco Paolantoni, che sarà intervistato e parteciperà alle premiazioni. Il secondo ospite sarà Donato Inglese, youtuber calcistico ma soprattutto musicista, che eseguirà alcune famose colonne sonore con il corno francese. Saranno proiettati i corti premiati dal pubblico al termine delle proiezioni di San Nicola e Grottaminarda, saranno premiati anche i trentasei corti in gara con Premio sociale, Premio Se resto è perchè, Premio della Giuria. La Giuria è composta da autorevoli addetti ai lavori come Antonella Mancusi (giornalista), Leonardo Lardieri (giornalista), Giustino Pennino (regista), Francesco Dainotti(produttore), Sanjiban Nath (regista) e Andrea Porrazzo (giornalista). Sarà anche proiettato fuori concorso Se resto è perchè - Venticano.  
Domenica 26 ultima serata in Cavea Teatrale, con la proiezione del corto vincitore del Premio 3C (Cinema, Campi, Comunità) assegnato dalla Condotta di Avellino di Slow Food, la proiezione fuori concorso di Se resto è perché - Irpinia, infine la performance di due straordinari musicisti, Roy Paci e Carmine Ioanna. Il trombettista siciliano e il fisarmonicista irpino hanno scelto Venticano come location conclusiva di un minitour estivo in Irpinia e per l'occasione terranno un concerto speciale, rivisiteranno alcuni loro brani ma anche popolari colonne sonore, ribadendo lo spirito "site specific" di questa originale e inedita collaborazione. Corto e a capo – Daena, Anima e Immagine è una rassegna nata nel 2015 con l'obiettivo di diffondere la cultura cinematografica attraverso proiezioni e incontri con autori, attori e protagonisti del cinema, privilegiando quelle figure che si muovono al di fuori dei circuiti ufficiali e dei canali classici di fruizione. Si svolge in paesi della provincia irpina dove spesso diviene l’unica possibilità di entrare in contatto con le opere cinematografiche senza doversi spostare. Ogni anno Corto e a capo ha un tema specifico, intorno al quale viene costruita tutta l’edizione tra cinema, proiezioni, interventi musicali, ospiti a tema, poesie, libri, mostre artistiche e fotografiche. 
Dichiara il direttore artistico Umberto Rinaldi, noto regista: "Siamo convinti che raccontare storie, condividere immagini, trasferire qualche piccola conoscenza del linguaggio cinematografico, oltre ad essere un piacevole momento di condivisione e di aggregazione, possa avere ricadute positive sulla società e possa aiutare a sensibilizzare le persone su tematiche psicologiche, umane e sociali".

Condividi