IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Sequestrati due quintali di salumi, mozzarella e pasta fresca
Schianto nella notte sull'Ofantina, cinque feriti
Munizioni della Seconda Guerra Mondiale ritrovate in un fabbricato, s'indaga
Investe una donna e fugge. Rintracciato e denunciato il pirata della strada
Esaudito il desiderio della piccola Giovanna: video chiamata con i "Me contro Te"
Precipita dall'ultimo piano, muore studentessa. Tragedia al campus di Fisciano
Open Day delle malattie della pelle, al Moscati visite dermatologiche gratuite
Incidente nella galleria di Solofra, ferita una 60enne di Aiello
Giovane professore si toglie la vita lanciandosi giù dal ponte
Scuola Premio Digitale, il Convitto nazionale "Colletta" polo provinciale per l'innovazione tecnologica

 

Francesco Renga in concerto al Teatro Gesualdo

in programma sabato 16 novembre

Teatro Gesualdo

(Teatro Gesualdo)
(Foto: Lorem Ipse)

Continua la corsa all’acquisto dei biglietti per l’attesissimo concerto di Francesco Renga che, sabato 16 novembre, si esibirà al Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino. La tappa di Avellino si inserisce nel lungo tour del cantautore che, in poco più di due mesi, si esibirà sui palchi dei principali teatri della penisola per presentare al pubblico il suo ultimo disco di inediti “L’altra metà” e i suoi più grandi successi di repertorio. Renga sarà accompagnato sul palco dai musicisti Fulvio Arnoldi (chitarra acustica e tastiere), Vincenzo Messina (pianoforte e tastiere), Stefano Brandoni (chitarre), Heggy Vezzano (chitarre), Phil Mer (batteria) e Gabriele Cannarozzo (basso). Continua intanto la campagna abbonamenti per i Cartelloni “Teatro Civile”, “Teatro Danza” e “Tradizione & Comicità”. Disponibili anche i biglietti per i singoli spettacoli. Per il “Teatro Danza” il primo appuntamento è per mercoledì 13 novembre con la Compagnia Korper con “Vivianesque”, balletto in un solo atto. L’esibizione è un affresco delle opere di Raffaele Viviani reinterpretate attraverso il linguaggio della danza contemporanea. Un omaggio al teatro del grande commediografo, attore e regista napoletano attraverso i corpi dei ballerini impegnati in mirabolanti coreografie che ne restituiscono il senso, gli umori, i colori, alla luce di una Napoli odierna.

Condividi