IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Violento temporale in Alta Irpinia provoca una frana, chiusa la strada provinciale 143 a Bagnoli
Cade dal ponteggio in un cantiere, operaio 47enne in prognosi riservata
Il neo sindaco di Cervinara Caterina Lengua positivo al Covid-19
Tentano di disfarsi della droga gettandola nel water, in manette due fidanzati
Covid-19 in Campania, torna l'obbligo della mascherina all'aperto. C'è l'ordinanza di De Luca
Una 48enne di Avellino è risultata positiva al Covid-19. Da luglio ad oggi i casi registrati sono 205
Coronavirus, chiuso il Comune di Cervinara. Avviata la sanificazione
Attraverso una mail rubano password e dati personali e gli svuotano il conto corrente
Coronavirus, registrati 6 contagi in Irpinia. Uno ricoverato in ospedale
Covid-19, altri 12 contagi in Irpinia: 2 ad Avellino

 

Francesco Renga in concerto al Teatro Gesualdo

in programma sabato 16 novembre

Teatro Gesualdo

(Teatro Gesualdo)
(Foto: Lorem Ipse)

Continua la corsa all’acquisto dei biglietti per l’attesissimo concerto di Francesco Renga che, sabato 16 novembre, si esibirà al Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino. La tappa di Avellino si inserisce nel lungo tour del cantautore che, in poco più di due mesi, si esibirà sui palchi dei principali teatri della penisola per presentare al pubblico il suo ultimo disco di inediti “L’altra metà” e i suoi più grandi successi di repertorio. Renga sarà accompagnato sul palco dai musicisti Fulvio Arnoldi (chitarra acustica e tastiere), Vincenzo Messina (pianoforte e tastiere), Stefano Brandoni (chitarre), Heggy Vezzano (chitarre), Phil Mer (batteria) e Gabriele Cannarozzo (basso). Continua intanto la campagna abbonamenti per i Cartelloni “Teatro Civile”, “Teatro Danza” e “Tradizione & Comicità”. Disponibili anche i biglietti per i singoli spettacoli. Per il “Teatro Danza” il primo appuntamento è per mercoledì 13 novembre con la Compagnia Korper con “Vivianesque”, balletto in un solo atto. L’esibizione è un affresco delle opere di Raffaele Viviani reinterpretate attraverso il linguaggio della danza contemporanea. Un omaggio al teatro del grande commediografo, attore e regista napoletano attraverso i corpi dei ballerini impegnati in mirabolanti coreografie che ne restituiscono il senso, gli umori, i colori, alla luce di una Napoli odierna.

Condividi