IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Irpinia Sistema Turistico, proroga termine manifestazione di interesse: accolta con favore la richiesta dell'Ordine dei Commercialisti
Lutto tra gli avvocati irpini: è morto il penalista Massimo Preziosi
Presi i ladri dei garage di Avellino e hinterland
Le auto storiche e da corsa sfilano a San Potito Ultra
Controlli nei frantoi irpini, multe salate per due titolari
Picchia la figlia con un bastone, arrestato padre violento
Rinvenuto cadavere in un appartamento, s'indaga
Schianto tra autobus e compattatore, paura per 10 bambini
Avellino, incidente in via Due Principati: auto sbanda e finisce nella scarpata. Ferita una ragazza
La Sala Consiliare di Palazzo Caracciolo intitolata a Pietro Foglia. Biancardi: “Mercoledì la cerimonia a un anno dalla dipartita”

 

Francesco Renga in concerto al Teatro Gesualdo

in programma sabato 16 novembre

Teatro Gesualdo

(Teatro Gesualdo)
(Foto: Lorem Ipse)

Continua la corsa all’acquisto dei biglietti per l’attesissimo concerto di Francesco Renga che, sabato 16 novembre, si esibirà al Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino. La tappa di Avellino si inserisce nel lungo tour del cantautore che, in poco più di due mesi, si esibirà sui palchi dei principali teatri della penisola per presentare al pubblico il suo ultimo disco di inediti “L’altra metà” e i suoi più grandi successi di repertorio. Renga sarà accompagnato sul palco dai musicisti Fulvio Arnoldi (chitarra acustica e tastiere), Vincenzo Messina (pianoforte e tastiere), Stefano Brandoni (chitarre), Heggy Vezzano (chitarre), Phil Mer (batteria) e Gabriele Cannarozzo (basso). Continua intanto la campagna abbonamenti per i Cartelloni “Teatro Civile”, “Teatro Danza” e “Tradizione & Comicità”. Disponibili anche i biglietti per i singoli spettacoli. Per il “Teatro Danza” il primo appuntamento è per mercoledì 13 novembre con la Compagnia Korper con “Vivianesque”, balletto in un solo atto. L’esibizione è un affresco delle opere di Raffaele Viviani reinterpretate attraverso il linguaggio della danza contemporanea. Un omaggio al teatro del grande commediografo, attore e regista napoletano attraverso i corpi dei ballerini impegnati in mirabolanti coreografie che ne restituiscono il senso, gli umori, i colori, alla luce di una Napoli odierna.

Condividi