IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Violenta rissa tra giovani, 8 denunce. Chiuso un bar
Fiamme a un bar nella notte, s'indaga. Si segue la pista dolosa
Nascondeva la droga negli slip per poi spacciarla, nei guai 20enne
Fanno esplodere lo sportello bancomat e danno fuoco all'auto
Va in ospedale per partorire e scopre di avere il Coronavirus
Padre e figlia azzannati da un pitbull, ricoverati in ospedale
Rapina al portavalori della Cosmopol a Valle, i dettagli di quanto accaduto
Scosse di terremoto tra Rocca San Felice e Sant'Angelo dei Lombardi
Perde il controllo dell'auto e si schianta, ferita 56enne
"Pater Familias", quando un ristorante è narrazione della storia

 

Gli intrecci barocchi del Cimarosa, tre concerti gratuiti al Conservatorio

Conservatorio Cimarosa di Avellino

(Conservatorio Cimarosa di Avellino)
(Foto: Irpiniareport)

 Tre concerti ad ingresso gratuito tra Avellino, Monteforte irpino e Napoli. Tre appuntamenti con la musica barocca, portata in scena dall’Orchestra del “Cimarosa” diretta dal maestro Giuseppe Camerlingo. 

Il Conservatorio “Cimarosa”, presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro, inaugura la nuova stagione di concerti con la mini rassegna «Intrecci barocchi», che si svilupperà in tre tappe, quella di giovedì 12 settembre, alle ore 15:30 presso l’Auditorium “Vitale” di piazza Castello, venerdì 13 settembre, alle ore 19:30 presso la Chiesa di San Martino a Monteforte irpino e sabato 14 settembre alle ore 13:00 presso il Salone delle Gallerie d’Italia a Palazzo Zevallos Stigliano di via Toledo a Napoli.

Tre momenti dedicati alla musica barocca, declinati attraverso le musiche di due tra i principali interpreti del Seicento come Antonio Vivaldi e Alessandro Scarlatti con l’Orchestra del Conservatorio di Avellino diretta dal maestro Camerlingo e composta da Manuel Molinario all’oboe, Eleonora De Crescenzo, Mario Petacca, Marco De Caro e Simone Taurasi ai violini primi, Irene Teresa Buzzanca, Nicola Morelli, Marco Giorgio Gaggia e Greta Melone ai violini secondi, Giulia Romano e Miriam Romei alle viole, Francesca Montella, Gabriele Melone e Giovanna Di Domenico ai violoncelli, Stefano Di Martino al contrabbasso, Elisabetta Furio al continuo e Valentina Fortunato voce soprano. 

Il programma della tre giorni si sostanzierà nel «Concerto per oboe, archi e continuo in do maggiore, RV 452» e nel «Concerto per 2 violoncelli, archi e continuo in sol minore, RV 531» di Vivaldi, le «3 Arie dalla Griselda» di Scarlatti: «In voler ciò che tu brami», «Nell’aspro mio dolor» e «Dì, che sogno, o che deliro» per poi tornare al «Concerto n.10 op. 3 per 4 violini, archi e continuo in si minore, RV 580» e «In furore iustissimae irae - Mottetto per soprano archi e continuo in do minore, RV 626» ancora di Vivaldi. 

«Il programma del concerto è stato concepito per valorizzare alcuni promettenti talenti delle classi di strumento e di canto del Conservatorio Cimarosa, che si alternano come solisti e come accompagnatori – spiega il maestro Giuseppe Camerlingo – L’obiettivo è quello della formazione di un gruppo compatto che, nel repertorio barocco e in un organico ristretto, possa trovare quell’unità di intenti della pratica esecutiva necessaria alla coesione dell’insieme e che funga da catalizzatore anche per l’orchestra sinfonica».

Condividi