IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Stop al diabete: tre giornate di screening gratuiti a San Michele, Santa Lucia e Serino
Medico muore durante il turno di notte, s'indaga
Sequestro di caciocavalli in un caseificio, nei guai la titolare
Alla ricerca di funghi senza autorizzazione, multe salate per due uomini
Capannone agricolo adibito a officina meccanica, denunciati i titolari
Irpinia Sistema Turistico fa tappa a Sant'Angelo dei Lombardi. Focus sul gas radon
Agronomi e funzionari dell’Arpac a confronto sulle attività agroalimentari
Avellino, forzano un posto di blocco e nella fuga tentano di investire un agente. Nei guai 2 ragazzi
Incidente sul lavoro, operaio cade da una scala di tre metri
Ad Avellino fa tappa Chocolate Days, la festa del cioccolato tradizionale

 

Gli intrecci barocchi del Cimarosa, tre concerti gratuiti al Conservatorio

Conservatorio Cimarosa di Avellino

(Conservatorio Cimarosa di Avellino)
(Foto: Irpiniareport)

 Tre concerti ad ingresso gratuito tra Avellino, Monteforte irpino e Napoli. Tre appuntamenti con la musica barocca, portata in scena dall’Orchestra del “Cimarosa” diretta dal maestro Giuseppe Camerlingo. 

Il Conservatorio “Cimarosa”, presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro, inaugura la nuova stagione di concerti con la mini rassegna «Intrecci barocchi», che si svilupperà in tre tappe, quella di giovedì 12 settembre, alle ore 15:30 presso l’Auditorium “Vitale” di piazza Castello, venerdì 13 settembre, alle ore 19:30 presso la Chiesa di San Martino a Monteforte irpino e sabato 14 settembre alle ore 13:00 presso il Salone delle Gallerie d’Italia a Palazzo Zevallos Stigliano di via Toledo a Napoli.

Tre momenti dedicati alla musica barocca, declinati attraverso le musiche di due tra i principali interpreti del Seicento come Antonio Vivaldi e Alessandro Scarlatti con l’Orchestra del Conservatorio di Avellino diretta dal maestro Camerlingo e composta da Manuel Molinario all’oboe, Eleonora De Crescenzo, Mario Petacca, Marco De Caro e Simone Taurasi ai violini primi, Irene Teresa Buzzanca, Nicola Morelli, Marco Giorgio Gaggia e Greta Melone ai violini secondi, Giulia Romano e Miriam Romei alle viole, Francesca Montella, Gabriele Melone e Giovanna Di Domenico ai violoncelli, Stefano Di Martino al contrabbasso, Elisabetta Furio al continuo e Valentina Fortunato voce soprano. 

Il programma della tre giorni si sostanzierà nel «Concerto per oboe, archi e continuo in do maggiore, RV 452» e nel «Concerto per 2 violoncelli, archi e continuo in sol minore, RV 531» di Vivaldi, le «3 Arie dalla Griselda» di Scarlatti: «In voler ciò che tu brami», «Nell’aspro mio dolor» e «Dì, che sogno, o che deliro» per poi tornare al «Concerto n.10 op. 3 per 4 violini, archi e continuo in si minore, RV 580» e «In furore iustissimae irae - Mottetto per soprano archi e continuo in do minore, RV 626» ancora di Vivaldi. 

«Il programma del concerto è stato concepito per valorizzare alcuni promettenti talenti delle classi di strumento e di canto del Conservatorio Cimarosa, che si alternano come solisti e come accompagnatori – spiega il maestro Giuseppe Camerlingo – L’obiettivo è quello della formazione di un gruppo compatto che, nel repertorio barocco e in un organico ristretto, possa trovare quell’unità di intenti della pratica esecutiva necessaria alla coesione dell’insieme e che funga da catalizzatore anche per l’orchestra sinfonica».

Condividi